Salerno: opportunità di tirocinio nei musei della città

tirocinio museo laureati SalernoTirocini nei musei di Salerno  La cooperativa sociale Galahad cerca studappassionati d’arte per stage formativi. Siti coinvolti nel progetto: il Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana e il Museo Roberto Papi

Possibilità di tirocini formativi nei musei del centro storico di Salerno per laureati e laureandi.

Ad annunciarlo è stata la cooperativa sociale Galahad, che gestisce biglietteria e calendario eventi di diversi siti nel salernitano.

In particolare gli studenti selezionati saranno impiegati nelle attività di gestione e di valorizzazione del Museo Virtuale Scuola Medica Salernitana, che contiene documenti originali e digitalizzati risalenti al medioevo, e del Museo Roberto Papi, che raccoglie un’importante collezione di strumenti medico chirurgici antichi.

L’unico requisito espressamente richiesto: essere appassionati d’arte, anche se costituiranno titolo preferenziale l’aver ottenuto la laurea in Beni culturali, Lingue, Architettura o Lettere e Filosofia.

Un’opportunità per i ragazzi di provare sul campo le conoscenze acquisite nelle università, ma che risulterà utile anche alla città di Salerno, per rilanciare l’attività di due importanti musei storici.

Per partecipare alla selezione basta inviare il curriculum vitae a [email protected], oppure contattare i numeri 3479296504 e 3404601034 per fissare un colloquio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dopo la strage di Oslo, Breivik chiede di studiare all’Università

Next Article

Naba e Domus Academy: 1 milione di euro in borse di studio

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.