Rugby, passione e divertimento: quando lo sport fa lezione

2013-05-18 11.32.12

Sole, sport e tanta, tanta passione. Sono stati questi gli ingredienti principali della due giorni romana per molte scuole italiane. Gli alunni, giunti da tutta la penisola, si sono ritrovati a Roma e Venezia il 17 e 18 maggio per il Campionato Italiano di Rugby delle Scuole.

Le compagini che si sono affrontate andavano dagli under 12 agli under 14. Abbiamo seguito il progetto a Roma, ai campi messi a disposizione dal CONI. Altissima la partecipazione da parte degli studenti e degli accompagnatori.

“E’ un’esperienza bellissima – ha raccontato Matteo Balena, campioncino dell’istituto di Praja a Mare (RC). Siamo entusiasti di questo progetto, anche se vorremmo rimanere più giorni!”. Le squadre di studenti sono state accompagnate anche da parenti e amici.

Fondamentale, comunque, l’apporto delle maestre accompagnatrici, che hanno dovuto tenere a bada decine di bambini in preda al divertimento. “E’ un progetto fantastico, anche se è davvero massacrante, ci racconta Rita Amelio, maestra responsabile dell’istituto di Praja a Mare. Tenere sotto controllo così tanti bambini non è facile. Eppure, ne è valsa la pena“.

Ne è valsa la pena. Di fronte a parole del genere, viene naturale pensare che la scuola italiana vada avanti anche, e soprattutto, grazie a persone del genere.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
1 comment
  1. Grazie al giornalista Raffaele Nappi per il bellissimo articolo, con il quale si è potuto mettere il luce l’evento ma vorrei ringraziare di cuore gli ins. Speranza e Bianco pilastri del progetto. Rita Amelio.

Lascia un commento
Previous Article

E' morto Don Gallo, prete degli ultimi

Next Article

Palermo, Carrozza ai ragazzi: "Non dimenticate mai il 23 maggio"

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".