Rubo’ foto nude di Scarlett Johansson, hacker condannato a 10 anni

Christopher Chaney, l’hacker che si era introdotto nella posta elettronica di Scarlett Johansson e aveva pubblicato le foto dell’attrice nuda e’ stato condannato a Los Angeles a 10 anni di galera.

Il giudice James Otero ha condannato Chaney, 35 anni, che nel marzo scorso si era dichiarato colpevole delle accuse a suo carico.

L’uomo, che all’inizio aveva negato le accuse, era stato arrestato nell’ottobre del 2011 dopo essere stato scoperto dagli esperti dell‘Fbi nell’operazione ‘Hackerazzi’.

Il giudice ha spiegato che Chaney, disoccupato e residente a Jacksonville (Florida), entro’ nella posta elettronica della Johansson, della cantante Christina Aguilera, dell’attrice Mila Kunisilera e di Renee Olstead dal novembre 2010 all’ottobre 2011.

Chaney, che era stato incriminato con 28 capi di accusa lagati al reato di hackeraggio, ha detto: “Non so cos’altro potrei dire se non che mi dispiace, a parte che non succedera’ piu'”.

Chaney e’ stato condannato a pagare 66.179 dollari di indennizzo alle vittime. La pubblica accusa aveva chiesto 71 mesi di prigione a fronte di una pena massima di 60 anni.

Le tre immagini della Johansson che sono state diffuse online mostravano le foto che l’attrice di “Lost in Traslation” si era scattata davanti allo specchio. Queste istantanee, ha spiegato lei, avevano come unico destinatario il marito, l’attore Ryan Reynolds.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aspiranti insegnanti, per il Miur i più bravi sono stati i più giovani

Next Article

Concorsone: "Adesso vi spiego perchè è una truffa"

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".