Roma Provincia al fianco delle donne

donne.jpg“Chi violenta una donna, ferisce tutta la società”. In estrema sintesi è con questa motivazione che la Provincia di Roma ha presentato una delibera per costituirsi parte civile in tutti i procedimenti giudiziari relativi a violenze sulle donne. Una mozione proposta questa mattina durante un Consiglio provinciale aperto a tutte le associazioni che sul territorio si occupano di violenza e soccorso alle donne che subiscono violenze. È così che la Provincia torna ad occuparsi ad un tema caro.
“Il nostro è un lavoro di prevenzione – ha spiegato Pina Maturani, presidente del Consiglio – affinché si recuperino nella società valori fondamentali come il rispetto. Siamo seriamente preoccupati per il fenomeno delle violenze, che tra l’altro registrano sempre più giovani vittime. La Provincia quindi – prosegue Maturani – si impegna ad investire risorse nei tre centri di accoglienza che offrono rifugio alle donne che subiscono violenza e anche ai loro figli. Inoltre lo facciamo in un Consiglio aperto perché vogliamo ascoltare la voce delle donne delle associazioni”.
Altro provvedimento presentato in Consiglio è il piano programma per i prossimi quattro anni dell’Istituzione di genere femminile e solidarietà, Solidea, nata per volontà del consiglio provinciale nel luglio 2004. “Definire gli obiettivi durante un Consiglio aperto – ha spiegato l’assessore alle Politiche Sociali e per la Famiglia, Claudio Cecchini – ha un valore molto importante. Siamo pronti a recepire le esigenze delle associazioni e allo stesso tempo diamo indirizzi concreti ad un’associazione che abbiamo voluto fortemente. Un modo – conclude – per dare concretezza alle parole”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fotocopie illegali, blitz della Finanza

Next Article

Unifi, basta tagli porte aperte nei weekend

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside