Ricercatori e studiosi in mobilità per il CNR

CNR propone un Programma per promuovere l’avvio, la prosecuzione o il completamento di programmi di ricerca.

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche propone un Programma speciale per la promozione della collaborazione internazionale tra CNR, Università o altre Istituzioni scientifiche pubbliche italiane ed Istituti di ricerca stranieri attraverso la mobilità di breve durata di studiosi e ricercatori italiani e stranieri.
Il Programma si propone di facilitare l’avvio, la prosecuzione o il completamento di programmi di ricerca, che saranno valutati da una Commissione di esperti nominata dal Consiglio di Amministrazione del CNR, e si rivolge a ricercatori italiani, docenti di seconda fascia, dottori di ricerca, dottorandi, borsisti e assegnisti di ricerca di nazionalità italiana, studiosi stranieri (o italiani stabilmente residenti all’estero) di elevata qualificazione accademica.
Il progetto permette di effettuare brevi soggiorni (minimo 21 giorni) di ricerca all’estero a studiosi italiani, e brevi visite (10 giorni lavorativi) a studiosi stranieri di alta qualificazione presso Istituti CNR.
Agli studiosi italiani sarà erogata la diaria prevista dalle norme che regolano i soggiorni all’estero per i dipendenti dello Stato, secondo la normativa vigente all’atto della partenza, e a quelli stranieri verrà corrisposto un compenso forfettario, a ristoro delle spese di viaggio e di permanenza in Italia, nella misura di Euro 2.100,00 netti.
Il periodo di soggiorno è dal 1° settembre al 18 dicembre 2010 e le domande di partecipazione dovranno pervenire al Consiglio Nazionale delle Ricerche entro il 16 giugno 2010.
Per ulteriori informazioni consultare il bando del Programma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Essere un gruppo

Next Article

Europa in festa

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.