Ricercatori e studiosi in mobilità per il CNR

CNR propone un Programma per promuovere l’avvio, la prosecuzione o il completamento di programmi di ricerca.

Il Consiglio Nazionale delle Ricerche propone un Programma speciale per la promozione della collaborazione internazionale tra CNR, Università o altre Istituzioni scientifiche pubbliche italiane ed Istituti di ricerca stranieri attraverso la mobilità di breve durata di studiosi e ricercatori italiani e stranieri.
Il Programma si propone di facilitare l’avvio, la prosecuzione o il completamento di programmi di ricerca, che saranno valutati da una Commissione di esperti nominata dal Consiglio di Amministrazione del CNR, e si rivolge a ricercatori italiani, docenti di seconda fascia, dottori di ricerca, dottorandi, borsisti e assegnisti di ricerca di nazionalità italiana, studiosi stranieri (o italiani stabilmente residenti all’estero) di elevata qualificazione accademica.
Il progetto permette di effettuare brevi soggiorni (minimo 21 giorni) di ricerca all’estero a studiosi italiani, e brevi visite (10 giorni lavorativi) a studiosi stranieri di alta qualificazione presso Istituti CNR.
Agli studiosi italiani sarà erogata la diaria prevista dalle norme che regolano i soggiorni all’estero per i dipendenti dello Stato, secondo la normativa vigente all’atto della partenza, e a quelli stranieri verrà corrisposto un compenso forfettario, a ristoro delle spese di viaggio e di permanenza in Italia, nella misura di Euro 2.100,00 netti.
Il periodo di soggiorno è dal 1° settembre al 18 dicembre 2010 e le domande di partecipazione dovranno pervenire al Consiglio Nazionale delle Ricerche entro il 16 giugno 2010.
Per ulteriori informazioni consultare il bando del Programma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Essere un gruppo

Next Article

Europa in festa

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.