Europa in festa

“Europa Museum” dall’8 al 15 maggio presso il Science Centre di Città della Scienza celebrerà la festa dell’Europa

Il 9 maggio 1950 Robert Schuman, politico francese ritenuto uno dei padri fondatori dell’Unione Europea, presentava la proposta di creare un’Europa organizzata, indispensabile al mantenimento di relazioni pacifiche fra gli Stati che la componevano. La proposta, chiamata “Dichiarazione di Schuman”, è considerata l’atto di nascita dell’Unione Europea e perciò si celebra in questa giornata la sua festa.
Ma anche Napoli ha deciso di festeggiare attraverso la mostra “Europa Museum” che sarà possibile visitare dall’8 al 15 maggio presso il Science Centre di Città della Scienza.
Il progetto è realizzato dal CEICC – Europe Direct in collaborazione con la Fondazione Idis – Città della Scienza, IGS Campania e la Fondazione Mezzogiorno Europa.
L’esposizione è articolata in dieci stanze allestite e illustrate da gruppi di studenti provenienti da dieci istituti campani che dall’inizio dell’anno scolastico hanno seguito un percorso formativo sull’Europa e le sue politiche.
Inoltre, Bit la marionetta virtuale mascotte di Città della Scienza, indossando la bandiera europea, sfiderà i visitatori testando le loro conoscenze e con l’iniziativa Ciak Europa gli ospiti rilasceranno testimonianze video con i loro pensieri, attese e speranze europee. Ma non solo, saranno organizzati anche laboratori creativi, workshop e incontri con giovani scienziati per discutere di temi scientifici, innovazione e politiche della comunità.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricercatori e studiosi in mobilità per il CNR

Next Article

Bocconi, unica italiana nella classifica del Financial Times

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa