Ricerca, l'Alzheimer può essere scoperto con 20 anni di anticipo.Basta un test

Tra 3 anni sarà disponibile il kit negli ospedali. Nel 2050 saranno 100 milioni le persone colpite da questa malattia (adesso sono 30 milioni)

In attesa di scoprire il vaccino per combattere il Coronavirus, dagli Usa arriva una scoperta destinata a fare la storia della medicina mondiale. “L’Alzheimer può essere rilevato con 20 anni d’anticipo”. Un semplice esame del sangue per scoprire i segnali. La scoperta – si legge sul Corriere della Sera – è considerata clamorosa, cruciale dagli scienziati, riuniti in collegamento virtuale nella conferenza mondiale sull’Alzheimer. Metodo, analisi e conclusioni sono riassunti nell’articolo pubblicato il 28 luglio sul sito dello Jama, Journal of American Medical Association, una delle più antiche e importanti riviste mediche.

Si stima che da qui al 2050 salirà da 30 a 100 milioni il numero di persone colpite da una delle malattie più devastanti e mortificanti per l’essere umano: demenza, perdita di memoria, di identità. Ventidue specialisti, tra i quali gli svedesi Sebastian Palmqvist, Oskar Hansson e Shorena Janelidze, hanno messo a punto il protocollo innovativo di un test sanguigno, sperimentandolo su 1.402 volontari. Il kit, però, sarà a disposizione di ospedali e laboratori nel giro di due-tre anni.

affari italiani

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini retribuiti alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea

Next Article

Azzolina: "La data del 14 è definitiva. Recovery Fund all'edilizia scolastica"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".