Razzismo sul web causa depressione

depressione.jpg“Occhio al social networking”. Il monito arriva da una ricerca condotta dall’Università dell’Illinois (Usa): i giovani che intrattengono relazioni interpersonali a distanza non hanno sufficienti mezzi per difendersi da eventuali discriminazioni e, se colpiti nell’intimo, cadono più facilmente in depressione o in preda all’ansia.
Fra social network, chat, forum e programmi di instant messaging, si stanno moltiplicando sul web i sistemi per mettersi in comunicazione con persone amiche o sconosciute, per fini di svago o di lavoro. Con il vantaggio di intrattenere relazioni interpersonali anche a distanza, ma anche col rischio di cadere vittima di discriminazione. Soprattutto sulla base della propria etnia, dato che questi siti offrono la possibilità di pubblicare foto e video personali.
Sperimentare a proprie spese il razzismo su Internet può causare vere e proprie malattie come la depressione e l’ansia. Sul ‘Journal of Adolescent Health’ Brendesha Tynes, docente di psicologia educazionale e di studi afro-americani all’ateneo del Midwest americano, scrive che con l’aumento dell’uso della Rete da parte dei teenager – il 93% dei quali ha accesso a Internet – si dovrebbe porre una maggiore attenzione nei confronti della “vittimizzazione online”, non solo come problema di sicurezza, ma anche di salute pubblica.
L’esperta ha infatti rilevato che il 71% degli adolescenti afro-americani, così come il 73% dei bianchi e il 67% di quelli appartenenti ad altre etnie, sperimenta discriminazioni razziste indirette. Mentre il 29% dei ragazzini di colore, il 20% dei bianchi e il 42% degli altri teenager deve fare i conti con vere e proprie vessazioni dirette, a causa del colore della pelle, mentre è online.
Con l’aumentare dell’esposizione al web e di conseguenza al razzismo – fa notare la studiosa – cresce proporzionalmente la depressione e l’ansia provata dai giovani, con le femmine più a rischio dei maschi. «Non è certo possibile monitorare tutto il web – precisa Tynes – ma occorre parlare di più di questo problema, per infondere ai ragazzi sicurezza e orgoglio per la loro identità razziale».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

In Campania niente agevolazioni per gli studenti pendolari

Next Article

Padova, megaconvegno su Barack Obama

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).