Quattro nuovi professori ordinari alla Luiss

Quattro nuovi professori Ordinari fanno il loro ingresso nei dipartimenti economici della LUISS Guido Carli. Sono Michele Costabile (Marketing), finora all’Università della Calabria e alla Bocconi; Marcello Messori (Economia politica), che lascia Tor Vergata per la cattedra nell’università di Confindustria, dove è stato già titolare degli insegnamenti di International Economics e Macroeconomia, Fabiano Schivardi(Economia industriale), sino ad oggi in forza all’ateneo cagliaritano e Andrea Prencipe(Economia e gestione delle imprese), proveniente dalla “D’Annunzio” di Pescara.

I quattro docenti sono stati nominati con delibera dal Comitato esecutivo della LUISS durante la seduta del 3 ottobre e prenderanno servizio dal 1 novembre 2012.

Tutti e quattro hanno curricula e pubblicazioni eccellenti che li posizionano a livelli molto alti dell’accademia e della ricerca sia italiana sia internazionale”,chiosa il Rettore della LUISS, Massimo Egidi, il cui mandato è stato recentemente rinnovato per un ulteriore triennio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Disoccupazione, nuovo record. Tra i giovani si tocca quota 35%

Next Article

Il direttore del Corriere dell'Università Job a Uno Mattina

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".