Prof aggredito a scuola per aver messo una nota a una studentessa: arrestato il padre della ragazza

La squadra mobile di Bari ha arrestato il presunto autore dell’aggressione dello scorso 23 settembre all’istituto tecnico Majorana di Bari. Insieme a un complice ha avvicinato il docente per poi schiaffeggiarlo ripetutamente. Adesso si trova ai domiciliari.

È stato arrestato l’autore dell’aggressione al professore dell’istituto tecnico “Majorana” di Bari che durante una lezione aveva messo una nota disciplinare a una sua alunna. Si tratta del padre della ragazza, 34 anni, che secondo quanto ricostruito dagli inquirenti avrebbe avvicinato il docente fuori dall’aula per poi picchiarlo. “Professore, non ti permettere mai più di fare una cosa del genere” sono le parole che avrebbe pronunciato prima di aggredire il professore di 57 anni dell’istituto tecnico barese.

L’uomo, che ha precedenti penali, è accusato di lesioni personali aggravate, violazione di domicilio, violenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio. L’aggressione risale allo scorso 23 settembre. Dopo il provvedimento disciplinare a carico della studentessa e terminata la lezione, il docente – hanno ricostruito gli agenti della squadra mobile di Bari – si è spostato in un’altra classe dove è stato raggiunto dal 34enne, che, in compagnia di un complice ancora da identificare, ha ordinato al professore di seguirlo. Nel corridoio, con accanto il complice, lo avrebbe preso a schiaffi per poi fermarsi solo quando ha sentito che qualcuno aveva chiamato la polizia.

I due uomini poi si sono allontanati, mentre la vittima è stata soccorsa dal 118 che ha riscontrato lesioni guaribili in sei giorni. Il presunto responsabile dell’aggressione, identificato grazie anche alle immagini delle telecamere presenti nella scuola, adesso si trova agli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, gli studenti di Lettere occupano Villa Mirafiori: "Vogliamo più spazio"

Next Article

Crisi abitativa, a Perugia gli studenti manifestano contro caro affitti e mancanza di alloggi

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".