Malore in classe: docente muore davanti agli occhi dei suoi studenti

E’ successo in una scuola elementare in provincia di Verona. L’insegnante, Giovanna Fabrica, aveva appena terminato una lezione e si stava dando il cambio con un collega. All’improvviso è svenuta e si è accasciata al suolo. Inutili i tentativi di rianimarla.

È morta sotto gli occhi increduli dei suoi alunni a causa di un malore improvviso: Giovanna Fabrica, 44 anni, maestra alla scuola primaria “Carlo Ederle” di Villa Bartolomea (in provincia di Verona) è deceduta ieri nella scuola nella quale insegnava. L’insegnante, che era originaria di Naro, in provincia di Agrigento, era arrivata al Comprensivo Ederle lo scorso anno per il cosiddetto potenziamento oltre che per l’insegnamento di materie curricolari come scienze e geografia.

Giovanna Fabrica, aveva 44 anni.

Il malore, come riporta il quotidiano l’Arena, è avvenuto eri pomeriggio, poco dopo le 14, mentre la docente si trovava nell’aula della seconda B, dove aveva appena terminato una delle lezioni del rientro pomeridiano. All’improvviso, dopo aver salutato il collega di italiano che avrebbe dovuto tenere le due ore successive, si è accasciata a terra, cadendo in posizione supina, a poca distanza dalla cattedra e dai banchi della prima fila.

Immediato l’intervento dell’altro docente che, grazie all’aiuto di un defibrillatore in dotazione alla scuola, ha praticato per oltre un quarto d’ora le manovre di rianimazione prima dell’arrivo di un’ambulanza del 118 e subito dopo l’elisoccorso di Verona Emergenza, atterrato nel campo da calcio a poca distanza dall’istituto. Purtroppo, però, per la docente non c’è stato nulla da fare ed è morta subito dopo.

LEGGI ANCHE:

Total
17
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, l'allarme di uno studio italiano: "Contagio più veloce nelle scuole"

Next Article

Sapienza, gli studenti di Lettere occupano Villa Mirafiori: "Vogliamo più spazio"

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.