Premio Miriam Mafai per giornaliste under 35

premio miriam mafai
Premio Miriam Mafai – L’Associazione Stampa Romana, in collaborazione con l’Ordine dei giornalisti del Lazio, la Federazione Nazionale della Stampa, l’Associazione Miriam Mafai, il Gruppo Editoriale L’Espresso, istituisce la 1° edizione del premio giornalistico “Miriam Mafai” in memoria della giornalista e scrittrice Miriam Mafai scomparsa il 9 aprile 2012.
Il concorso si rivolge a giovani giornaliste e studentesse under 35 che si siano distinte per la pubblicazione di articoli che raccontino la cronaca, la politica, l’attualità e la cultura dell’Italia.
Due le categorie e altrettanti i premi: alla prima classificata nella sezione giornaliste professioniste, pubbliciste, praticanti che lavorano o collaborano presso una testata verrà corrisposto un premio del valore di 3.000 euro; mentre al miglior articolo di un’allieva di scuole o di master in giornalismo riceverà un premio di 1.000 euro.
Possono essere presentati al massimo due articoli pubblicati su quotidiani, periodici, testate giornalistiche on-line, nel periodo compreso tra il 9 aprile 2013 e il 15 febbraio 2014. Per le studentesse sarà possibile presentare degli inediti.La domanda di partecipazione al premio Miriam Mafai deve pervenire entro l’8 marzo 2014. Maggiori informazioni sul sito web della Federazione nazionale Stampa Italiana.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, arrivano gli sconti per studenti sull'abbonamento Atac: riduzioni fino al 50 %

Next Article

Cambridge, spesi 3 milioni di sterline l'anno per il vino: "Quei soldi potevano essere usati per le borse di studio"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.