Premio Giacomo Matteotti: 30.000 euro in palio per gli studenti

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto l’XI edizione del Premio “Giacomo Matteotti”. Il Premio è assegnato annualmente ad opere che illustrano gli ideali di fratellanza tra i popoli, di libertè e giustizia sociale, che hanno ispirato la vita di Giacomo Matteotti.
Sono diverse le sezioni in cui si articola il premio:
-Saggistica (con in palio 10.000 euro per l’opera vincitrice)
-Opere letterarie e teatrali (con in palio 10.000 euro per l’opera vincitrice)
-Tesi di laurea (due premi da 5.000 euro)
 
Ad esaminare le opere ci sarà un’apposita commissione giudicatrice, composta dal Segretario generale della Presidenza del Consiglio, e da 6 membri scelti tra personalità istituzionali, della cultura, dello spettacolo e del mondo universitario.
La consegna dei premi è prevista per il giorno 16 ottobre 2015 a Roma.
Come partecipare? Tutti i lavori per la partecipazione al premio “Giacomo Matteotti” dovranno pervenire entro il 7 maggio 2015 all’indirizzo indicato: “Presidenza del Consiglio dei Ministri” Ufficio del Segretario generale, Servizio perle funzioni istituzionali piazza colonna, 370, 00187 Roma.
Il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – IV serie speciale “Concorsi ed esami” n.10 del 6 febbraio 2015.
Tutte le informazioni sono disponibili al sito www.governo.it nella sezione “Novità dalla Presidenza”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Letta, addio alla Parlamento: "Farò il professore a Parigi"

Next Article

Docenti straordinari cercasi: nasce il progetto MasterProf

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.