Docenti straordinari cercasi: nasce il progetto MasterProf

Uno spazio per condividere le storie dei migliori professori italiani, le loro idee, gli spunti, i materiali didattici innovativi di loro invenzione: questo e molto altro è MasterProf – No ordinary teacher, un sito progettato e sviluppato dagli studenti di terza media dell’istituto Galilei-Costa di Lecce.
Ispirati dall’avere tra i loro docenti anche Daniele Manni, finalista al Global teacher Prize (conosciuto ormai come premio ‘Nobel’ per l’insegnamento) e Elisabetta D’Errico, i ragazzi hanno messo a punto una start up per raccogliere e condividere le esperienze di quei docenti che per passione e vocazione riescono ad “apportare e sperimentare innovazione e di aprire le giovani menti verso confini che vanno ben oltre l’aula e la concezione classica della didattica”.
Un progetto che prende le mosse dal Global teacher Prize, ma che cerca di smorzarne gli eccessi: “Non è una competizione, non ci sono giurie, scadenze, finalisti e vincitori – spiegano i ragazzi – Qui valgono e verranno pubblicate tutte le storie che i ragazzi riusciranno ad individuare”.
Sul sito di MasterProf (davvero ben realizzato), chiunque avrà la possibilità di fare segnalazioni: studenti, dirigenti scolastici, collaboratori, colleghi, genitori, persino gli stessi docenti avranno la possibilità di autocandidarsi e raccontare la propria dedizione all’insegnamento. saranno i ragazzi del Galilei, amministratori della start up, che valuteranno le candidature per poi pubblicarle sul sito.
“L’obiettivo che speriamo di raggiungere con questa nostra start up è duplice: da un lato vorremmo far sentire gratificati tutti quegli insegnanti speciali che ci mettono l’anima nel loro lavoro – spiegano questi volenterosi ragazzi – e, dall’altro, vorremmo poter stimolare altri docenti a prendere ispirazione e, magari, modificare ed innovare il loro modo di fare scuola”.
Qui sotto i ragazzi della terza A dell’Istituto Galilei di Lecce, ideatori del progetto MasterProf
ragazzi MasterProf

Total
0
Shares
2 comments
Lascia un commento
Previous Article

Premio Giacomo Matteotti: 30.000 euro in palio per gli studenti

Next Article

La Rassegna stampa di lunedì 20 aprile

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident