“Premiamo il merito”, oggi alla “Sapienza”

premiamo il merito alla Sapienza

Premiamo il merito alla Sapienza Prevista per questo pomeriggio la premiazione di 50 studenti universitari della Sapienza. L’iniziativa, che si chiama “Premiamo il merito”, è stata promossa dalla Sapienza tramite il centro Impresapiens, in collaborazione con Microsoft Italia ed ha visto la partecipazione di oltre 1800 studenti della triennale.

Scopo del concorso (un test scritto cui è stato associato un analogo test promosso dal progetto TECO dell’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca) è quello di aiutare gli studenti a comprendere le proprie reali inclinazioni, in un ottica di scelta del lavoro.

Un secondo obiettivo, non certo per importanza, è quello di valutarne le competenze “generaliste”  – ragionamento analitico e soluzione di problemi –  necessarie per una formazione specialistica adeguata e completa, oltre che per l’affermazione nel lavoro ed in aspetti vari della vita quotidiana, a prescindere dalla facoltà di appartenenza.

A tal proposito, spiega Emilio Civetta, direttore dell’area Education di Microsoft Italia: “Microsoft crede fortemente nella formazione dei giovani orientata a facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro. In questo senso – aggiunge –  siamo molto lieti di aver dato il nostro contributo a questa iniziativa”.

Di parere analogo è Fabrizio D’Ascenzo, direttore del “Il Centro di Ricerca e Servizi “ImpreSapiens”, che afferma: “l’intensificazione dei rapporti con gli studenti e lo sviluppo delle sinergie con le aziende costituiscano chiave essenziale per la ulteriore  promozione dell’immagine della Sapienza nei confronti dei giovani”.

Nel corso della premiazione, cui prenderanno parte il rettore Luigi Frati, oltre a Emilio Civetta e Fabrizio D’Ascenzo, un tablet pc verrà consegnato ai vincitori.

Tra questi ultimi, gli iscritti a corsi di laurea a ciclo unico avranno la possibilità di partecipare, una volta terminati gli studi, ad una delle prossime tappe residenziali di Campus Mentis, un progetto rivolto ai migliori talenti neolaureati under 29 provenienti da tutte le facoltà universitarie italiane, nell’ambito del progetto governativo Diritto al Futuro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Ministro Carrozza nomina gli eletti del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari

Next Article

Donne più istruite ma anche più penalizzate. L'ultimo rapporto Almalaurea disegna i contorni di un Paese ancora arretrato

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".