Pompei, in arrivo 105mln per interventi mirati

Prefettura di Napoli. Il Premier Monti illustra i cinque punti di intervento annunciati dal Ministro Ornaghi. Varati anche 5 milioni di euro per il restauro di cinque domus.

105 milioni di fondi europei sono in arrivo a Pompei dopo alcuni crolli preoccupanti. Il Premier Monti spiegherà, nella prefettura di Napoli alle 10.30, i cinque punti di intervento annunciati dal Ministro Ornaghi. In prefettura oltre al Presidente, saranno presenti: Annamaria Cancellieri, Fabrizio Barca, Francesco Profumo, Ornaghi, il Governatore campano Stefano Caldoro, il Presidente della Provincia Luigi Cesaro, i sindaci Luigi De Magistris (Napoli) e Claudio D’Alessio (Pompei).

Le 5 linee di intervento. 1) indizione di gare pubbliche con modalità telematiche, garanzia di trasparenza, integrità e maggiore celerità; 2) attuazione di interventi coerenti con le scelte tecnicoscientifiche e con le priorità della sicurezza del patrimonio secondo il piano scientifico approvato dal Consiglio superiore dei beni culturali; 3) rispetto di un preciso calendario; 4) pubblicazione di un elenco di ulteriori interventi di sponsor privati; 5) avvio di un dibattito aperto a tutti gli interessati.

Proprio ieri sono stati varati i primi cinque bandi di gara (5 milioni di euro per il restauro di cinque domus: la Casa del Criptoportico la Casa di Sirico, quella del Marinaio, quella delle Pareti rosse e la Casa dei Dioscuri).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Profumo, il doppio canale per la ricerca non funziona

Next Article

Cnr e Crui, progetti congiunti per l’innovazione tecnologica

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".