Cnr e Crui, progetti congiunti per l’innovazione tecnologica

Al via una collaborazione tra le università italiane e il Cnr per valorizzare la ricerca e creare nuovo lavoro per i giovani attraverso la promozione della nascita di imprese hi-tech sull’intero territorio nazionale.

Al via una collaborazione tra le università italiane e il Cnr per valorizzare la ricerca e creare nuovo lavoro per i giovani attraverso la promozione della nascita di imprese hi-tech sull’intero territorio nazionale. L’intesa è stata siglata da Marco Mancini, presidente della Conferenza dei rettori delle università italiane (Crui) e Luigi Nicolais, presidente del Consiglio nazionale delle ricerche.

Cnr e Crui, si legge in una nota, si impegnano a coordinare congiuntamente corsi di alta formazione e programmi di ricerca nazionale e internazionale per la promozione delle conoscenze scientifiche e tecnologiche e per la condivisione di infrastrutture. La massima valorizzazione e la trasformazione in innovazioni tecnologiche dei risultati scientifici generati dal sistema della ricerca pubblica è l’obiettivo principale dell’iniziativa, che punta a promuovere la nascita e la crescita di imprese high-tech sull’intero territorio nazionale.

In quest’ottica, i partner agevoleranno la mobilità del personale universitario verso gli Istituti del Cnr e del personale dell’Ente verso gli Atenei. Previsto anche lo sviluppo di interventi congiunti di informazione, formazione professionale e alta formazione. «L’avvio di una collaborazione più sistematica fra la ricerca accademica e quella svolta negli Istituti e Dipartimenti del Cnr rappresenta non solo un passo importante per il comparto – dichiara Mancini – ma anche un contributo importante per il Paese e per i suoi giovani». «Questo atto – afferma Nicolais – consentirà di realizzare un sistema di ricerca e di alta formazione integrato, dinamico, moderno, capace di rispondere con maggior successo competitivo alle sfide dell’innovazione territoriale, nazionale e internazionale».
Fonte:Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pompei, in arrivo 105mln per interventi mirati

Next Article

Oltre la Vqr, Italian Scientist valuta i ricercatori italiani

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".