Più di 6800 euro al mese: ecco (come dovrebbe essere) lo stipendio di una mamma a tempo pieno

La stima è del sito specializzato “ProntoPro” e calcolato sulle retribuzioni di tutte le attività che una madre svolge durante la giornata.

Seimilaottocentoquaranta euro, centesimo più, centesimo meno: dovrebbe essere questo lo stipendio di una mamma a tempo pieno se venisse regolarmente retribuita per tutti i lavori (spesso indispensabili e insostituibili) che svolge durante l’intero arco di una giornata. Da autista (quando accompagna i figli a scuola), a collaboratrice domestica (quando rassetta la casa) fino a cuoca stellare mentre prepara la cena, i mestieri che una mamma svolge in sole 24 ore sono davvero molti, spesso sottovalutati ma di straordinaria importanza.

La stima sullo stipendio che invece dovrebbero incassare a fine mese, al momento solo virtuale, è stata fatta da “ProntoPro”, un portale che si occupa proprio dei servizi professionali, in occasione della Festa della Mamma in programma per domenica 9 maggio.

Lo stipendio medio è stato calcolato prendendo in considerazione tutte le attività svolte, e le relative paghe orarie riconosciute, a chi esercita gli stessi mestieri come lavoratore professionista, attingendo ad un database di 600.000 professionisti, suddivisi su 500 categorie di servizi.

Le mamme, soprattutto quello che lo fanno a tempo pieno, svolgono spesso il ruolo di autisti privati, accompagnano i figli a scuola, ma anche a tutti quegli appuntamenti ludici o sportivi che coinvolgono i bambini fin da piccolissimi: un servizio che, se fosse remunerato, prevederebbe un compenso di circa 19 euro all’ora. Alla mamma si può riconoscere a tutti gli effetti anche il ruolo di chef a domicilio, un lavoro che prevede una retribuzione media di 55 euro a persona: calcolando l’impegno su una famiglia con due bambini, una mamma potrebbe guadagnare, solo per questo lavoro, 3.520 euro al mese. Una cifra che potrebbe salire, secondo le stime di ProntoPro, alla cifra totale di 6840 euro al mese.

Total
11
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Educare alla pace per la trasformazione positiva dei conflitti

Next Article

I neologismi italiani, da coronavirus a catcalling

Related Posts