Per l’8 marzo il San Camillo offre prevenzione gratuita alle donne

Schermata 2013-02-28 a 16.11.38

Non solo mimose per l’8 marzo. In occasione della festa delle donne l’ospedale San Camillo di Roma ha deciso quest’anno di fare un regalo speciale all’altra meta’ del cielo, offrendo a quante nella capitale hanno un’eta’ compresa tra i 40 e i 60 anni la possibilita’ di usufruire di un pacchetto prevenzione per le patologie femminili attraverso un percorso unificato multidisciplinare. Tutto in un giorno, insomma, dalla mammografia alla visita ginecologica, al Pap test, al test molecolare per la ricerca dell’Hpv e di altre malattie sessualmente trasmesse.

Per prenotare bastera’ telefonare al numero verde Recup 803333 o al numero 06-58705510. Sono tra 1000 e 1500 le prestazioni che verranno garantite e gia’ in tante, dopo l’invito inoltrato ai medici di base, hanno chiamato per usufruire di questo servizio. ”Prendiamoci cura del nostro futuro” e’ lo slogan dell’iniziativa, fortemente voluta dal Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera, Aldo Morrone e dal suo staff di medici, tecnici ed infermieri, composto, per l’occasione, soprattutto di donne.

”Continua l’impegno del nostro Ospedale nella promozione della salute di tutta la popolazione e in particolare delle donne. Il primo passo per combattere qualsiasi malattia rimane l’informazione, la conoscenza e la prevenzione. Tutte le donne saranno accolte e ascoltate nei loro bisogni ed informate sui percorsi sanitari che l’Ospedale puo’ offrire loro”, spiega Morrone. Si parte domenica 3 marzo alle 8.30, presso il Servizio di Diagnostica Senologica, Padiglione BUSI Ospedale San Camillo Roma, dove sara’ offerto un rinfresco a tutte le donne che si presenteranno per eseguire i test. r

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scarpe, borse e gioielli con i soldi dei risparmiatori. Prof di Bari in manette

Next Article

Un cocktail di enzimi per far sparire all'istante ogni sbornia

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".