Pavia, la lingua italiana incontra i ragazzi

L’Università di Pavia ha organizzato due incontri dedicati ai suoi studenti per far loro riscoprire la lingua italiana e l’utilità e il piacere della lettura.
Il presidente dell’Accademia della Crusca Nicoletta Maraschio e il direttore de “Il Sole 24 ore” Ferruccio De Bortoli incontreranno i giovani in due giorni, il 26 e 27 febbraio per sensibilizzarli all’uso consapevole della lingua italiana parlata e scritta e ad una adeguata lettura critica dei quotidiani.
Il primo incontro è in programma venerdì 27 febbraio alle ore 15, presso la Sala Lauree di Palazzo S. Felice: Nicoletta Maraschio, terrà una lezione d’onore sul tema “L’importanza della lingua nel mondo attuale. L’italiano: esigenze formative ed evoluzione della norma.”.
Il secondo incontro si terrà invece, sempre a Palazzo san Felice, giovedì 26 marzo alle ore 10.00. Ferruccio De Bortoli terrà una lezione d’onore sul tema: “Leggere un quotidiano è ancora utile e perché”.
Gli incontri sono stati ideati da Adele Colli Franzone, del dipartimento di Ricerche aziendali, la quale intende con quest’iniziativa sottolineare l’importanza della lettura critica come elemento imprescindibile della formazione e come occasione per sviluppare l’intelligenza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorso MYmovies per giovani critici cinematografici

Next Article

Il cinema d’autore rinasce a Campo de' Fiori

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.