Parthenope: incarichi di docenza

Incarichi di docenza alla Facoltà di Scienze e Tecnologie della Parthenope.

La Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Napoli Parthenope, ha attivato il bando per il conferimento di incarichi didattici per gli insegnamenti che all’anno accademico 2010/2011 rislutano scoperti.
Le modalità di assegnazione degli incarichi potranno avvenire mediante conferimento di incarico di insegnamento a docenti, ricercatori ed assistenti del ruolo ad esaurimento dell’Ateneo ovvero di altra Università (da intendersi a titolo gratuito fatte salve alcune determinazioni) o mediante la stipula di contratto di diritto privato di lavoro autonomo con studiosi ed esperti, dipendenti di amministrazioni pubbliche, aziende private italiane e straniere
e liberi professionisti che abbiano svolto adeguata attività didattica o di ricerca
documentata.
Nel primo caso gli interessati sono tenuti a presentare domanda al Preside indicando la qualifica attualmente ricoperta, il settore scientifico di inquadramento ed allegando i documenti, titoli e pubblicazioni ritenuti utili ai fini della valutazione. Per il personale di altre sedi universitarie sarà necessario allegare alla domanda il nulla-osta dell’Università di appartenenza. Nel secondo caso, gli incarichi saranno affidati a soggetti in possesso di un’alta qualificazione scientifica e professionale che abbiano conseguito in Italia o all’estero il titolo di laurea specialistica o titolo equivalente da almeno tre anni. Le domande e gli allegati dovranno pervenire alla Segreteria di Presidenza della Facoltà di Scienze e Tecnologie entro e non oltre le ore 13.00 dell’ 8 settembre 2010.
Per ulteriori informazioni clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Trovare lavoro: un viaggio dentro se stessi

Next Article

Progresso&Ambiente

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".