Papa, fornitore dei suoi pantaloni: “Pronti ad adeguarci alle sue esigenze”

Schermata 2013-03-14 a 16.08.23

‘Come per gli altri pontefici aspettiamo una telefonata per essere invitati in Vaticano a prendere le misure del nuovo papa: noi siamo pronti ad adeguarci a qualunque sua esigenza, anche all’insegna di quel nuovo spirito meno ostentato che sembra la caratteristica di papa Francesco”. Lo dice Edo Longoni, contitolare dell’azienda brianzola Vigano’, che da una ventina di anni fornisce i pantaloni per il tempo libero per molte personalita’ del Vaticano, papi compresi.

”In genere io o un mio collaboratore qualche settimana dopo l’elezione andiamo in Vaticano portando le nostre proposte, i tessuti per l’estate e l’inverno e per prendere le misure al pontefice – racconta Longoni – Dopo non e’ piu’ necessario vedere direttamente il papa, ma e’ il servizio di economato che si mette in contatto con noi comunicandoci eventuali variazioni di misure o esigenze”.

L’azienda Vigano’, che ha sede a Zoccorino Brianza, in provincia di Monza e Brianza, e’ stata fondata nei primi del Novecento, quando lavorava esclusivamente capi su misura. Alla fine degli anni ’50 passo’ dalla sartoria tradizionale al confezionamento industriale, specializzandosi quasi esclusivamente nella produzione di pantaloni. L’azienda e’ uno dei fornitori di un punto vendita di abbigliamento del Vaticano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Morricone: "Quentin Tarantino? Non ci vorrei mai lavorare"

Next Article

Il Rettore dell'Istituto Massimo: "Questo Papa unirà le chiese"

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".