Pallavolo sulla neve, arrivano gli “snowdays”

Sembra una vera e propria “vacanza di inverno” la tre giorni organizzata dallo Scub (Sportclub della Libera Università di Bolzano) dal 5 al 7 marzo: sport sulla neve, gare di sci e snowboard ed accese feste notturne. Tutto questo sono gli “Snowdays”, ovvero tre giorni dedicati al divertimento organizzati per gli studenti di tutta Europa.
Agli Snowdays, infatti, parteciperanno ragazzi provenienti da diverse università sia italiane che d’oltralpe (Germania, Francia, Austria e Repubblica Ceca); gli studenti saranno coinvolti in tornei di pallavolo sulla neve, slittate al chiaro di luna, competizioni e, feste esclusive (la serata conclusiva, sabato 6 marzo all’Università, potrà contare sulla presenza del famoso dj 5th Suite).
L’evento è nato qualche anno da come semplice iniziativa sportiva per gli studenti dell’ateneo di Bolzano ed è diventata una delle più seguite manifestazioni sportive universitarie. Il programma, le iscrizioni ai tornei e le foto delle edizioni precedenti si possono trovare sul sito ufficiale degli Snowdays, https://scub.unibz.it/snowdays/2009.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A Salerno proiezione in anteprima nazionale

Next Article

“Notti galileiane” all’Università di Siena

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".