Oltre 500 posizioni aperte in società di recupero crediti

Business e data analysis, software engineer, valuta e controllo portafoglio: sono solo alcune delle figure richieste dalle principali aziende leader nel campo del recupero crediti. Al momento sono oltre 500 le posizioni aperte in Italia in questo settore. 
Tra le aziende con più ricerche c’è Cerved, che si è data l’obiettivo di reclutare circa 160 persone da qui ai prossimi mesi. Il profilo più richiesto è quello del loan manager (esperto di recupero crediti bancari, in possesso di una laurea in economia o giurisprudenza). Ma sono richieste anche figura come lo specialista gestione incassi e il performance managment speciliast. 
Sono un centinaio invece le posizioni per quest’anno del gruppo Crif. Tra i profili: business analyst, data analyst, project manager. Meglio se con esperienza e con un’ottima conoscenza dell’inglese. Per Az Holding sono 52 le figure ricercate – con contratti che vanno dal tirocinio al tempo indeterminato -, sopratttutto per potenziare la rete di esattori domiciliari per il recupero crediti. L’azienda cerca anche operatori di recupero crediti via telefonica per la sede di Napoli. 
Mentre altre 41 posizioni vengono offerte da Certa Credita, sia per la sede di Reggio Calabria, sia in olte altre città su tutto il territorio nazionale. Tra le figure ricercate: ingegneri gestionali, informatici, esattori domiciliari e addetti al front office. Una trintina di posizione aperte, poi, anche nella capitale. A Roma infatti Serfin 97 è alla ricerca di figure da assumere con un contratto di 24 mesi, rinnovabile; ai nuovi addetti recupero crediti verranno affiancate figure di formazione dell’azienda. Così anche per Fidesl, la figura dell’operatore telefonico recupero crediti sembra essere quella più gettonata: basta un diploma e la volontà di trasferirsi a Catania. 
Sempre su Roma (e anche Milano) sono ricercate una quindicina di figure dall’azienda Caf. Con contratti semestrali e un rimborso spese pari a 800 euro per i neolaureati. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità2018, Corriereuniv presenta la Guida all'Esame e al Post Diploma. Sofia Viscardi madrina

Next Article

Maturità 2018, fuga di notizie nei social sui commissari esterni. Domani i nomi sul sito del Miur

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.