Nuovo decreto dal MUR, prova orale unica a distanza per gli esami di abilitazione alle professioni

Un’immagine dei test di ammissione a Medicina a Bologna, 3 settembre 2019. ANSA/UNIVERSITA’ DI BOLOGNA ++ NO SALES, EDITORIAL USE ONLY ++

“Ringrazio tutte le rappresentanze istituzionali delle professioni per la proficua collaborazione nell’interesse dei giovani, nel segno di una leale e imprescindibile sinergia tra formazione superiore e mondo delle professioni”. Lo dichiara in una nota il ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi in merito all’uscita del nuovo decreto sugli esami di Stato di abilitazione all’esercizio delle professioni. 

Nel decreto è previsto che “per le professioni regolamentate dal D.P.R. n. 328/2001 (nei casi in cui l’esame di Stato di abilitazione è di competenza del Ministero dell’Università e della Ricerca), nonché per le professioni di odontoiatra, farmacista, veterinario, tecnologo alimentare, dottore commercialista, esperto contabile e revisore legale, in deroga alle disposizioni normative vigenti, gli esami di Stato di abilitazione per l’acceso alla professione, per la prima sessione del 2020, consisteranno in una unica prova orale a distanza  in deroga alle disposizioni normative vigenti”.

“La prova – si legge nella nota del Ministero dell’Università e della Ricerca – verterà su tutte le materie previste dalle specifiche normative di riferimento e  consentirà di accertare l’acquisizione delle necessarie competenze, nozioni e abilità richieste dalle normative riguardanti ogni singolo profilo professionale”.  

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Evento virtuale di Officine Italia – Italia post COVID-19 #ripartiamoinsieme

Next Article

Università, entra in funzione al CERM la risonanza magnetica più potente al mondo

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"