Nuovo biennio per la scuola di Giornalismo al Benincasa

lucio_dalessandro3.jpgLa scuola di giornalismo dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli diretta da Lucio d’Alessandro, Preside della facoltà di Scienze della Formazione presso l’ateneo partenopeo, si è affermata nel tempo non soltanto nella propria realtà territoriale ma in tutt’Italia.
Ed è proprio “lo sguardo oltre confine” che il Preside chiede ai suoi studenti. “ Il mio invito è ad inserirsi in un quadro nazionale e le occasioni qui non mancano – afferma infatti d’Alessandro – gli studenti imparano a lavorare in una vera redazione e in due anni ben otto mesi sono dedicati allo stage in realtà nazionali ed internazionali”. Tante le convenzioni con le testate nazionali tra cui la Rai, il Sole 24 Ore, la Rizzoli e l’ Ansa.
Istituita per prima in Italia meridionale, quest’anno la scuola accoglierà 30 nuovi studenti e per il quarto biennio vedrà giovani impegnati in una formazione a tutto tondo. “Gli aspiranti giornalisti professionisti imparano e sperimentano sul campo il giornalismo televisivo, quello on-line e soprattutto il giornalismo d’inchiesta” spiega il Preside.
Sono state realizzate diverse inchieste come quella sul Caso Leone e sul Terremoto di Napoli e non mancano certo i riconoscimenti. “Verremo ricevuti presso il Quirinale il prossimo 16 ottobre dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano – aggiunge il Preside con orgoglio – in occasione dell’assegnazione del premio “Giancarlo Siani” istituito per ricordare il giornalista ucciso dalla camorra nel lontano 1985”.
Per i nuovi iscritti saranno messi a disposizione 25mila euro da distribuire in borse di studio offerte dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.
Gli interessati hanno tempo fino al 30 settembre – termine ultimo per le iscrizioni – e per conoscere tutte le informazioni l’invito è a collegarsi all’indirizzo www.unisob.na.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università italiane: sfida all’ultimo voto

Next Article

Atenei romani per una Ventotene senza emissioni

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.