Nuove regole per il tirocinio dei futuri commercialisti

Il tirocinio professionale per i praticanti negli studi dei dottori commercialisti ed esperti contabili si potrà svolgere contestualmente al biennio della laurea magistrale. Accordo raggiunto tra il CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ED IL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA in merito alle condizioni minime che dovranno essere rispettate dagli Ordini Territoriali e dalle Università nella stipula delle singole convenzioni , al fine di mettere in atto le seguenti disposizioni:

Il tirocinio professionale per i praticanti negli studi dei dottori commercialisti ed esperti contabili si potrà svolgere contestualmente al biennio della laurea magistrale.
Accordo raggiunto tra il CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI ED IL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE,  DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA in merito alle condizioni minime che dovranno essere rispettate dagli Ordini Territoriali e dalle Università nella stipula delle singole convenzioni , al fine di mettere in atto le seguenti disposizioni:
1) l’esonero dalla prima prova dell’esame di Stato per l’accesso alla sezione  B dell’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili;
2) la possiblità di svolgere il tirocinio professionale nel corso del biennio di studi finalizzato all’acquisizione della laurea magistrale;
3)’l’esonero dalla prima prova dell’esame di Stato per l’accesso alla sezione A dell’Albo sia dei dottori commercialisti che degli esperti contabili;
4.di realizzare percorsi formativi espressamente finalizzati all’accesso alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile.
La Convenzione Quadro era prevista dalla legge 24 febbraio 2005, n. 34: Delega al Governo per l’istituzione dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili” .
Tra le necessita evidenziate nell’accordo: innalzare il livello qualitativo della formazione per l’accesso alla professione mediante un percorso formativo di carattere integrato; favorire i percorsi formativi che tengano conto della dimensione internazionale della professione; ottimizzare i tempi, agevolando il percorso per l’accesso all’esercizio della professione di Dottore Commercialista ed esperto contabile, incentivando al contempo il conseguimento della laurea magistrale.
La firma dell’accordo rappresenta una tappa fondamentale per gli studenti dei corsi di laurea in scienze economiche che avranno la possibilità di svolgere il tirocinio professionale contestualmente alla laurea specialistica. Sarà necessario inserire nel proprio curriculum universitario i crediti formativi relativi ai seguenti ambiti disciplinari: Economia aziendale, Economia e gestione delle imprese, finanza aziendale, organizzazione aziendale, economia degli intermediari finanziari, diritto commerciale, dell’economia, tributario, processuale civile e penale.

Total
0
Shares
2 comments
    1. Le confermiamo la possibilità di svolgere due anni di pratica durante l’università (laurea magistrale), mentre un terzo anno va svolto dopo la laurea. Per accedere alla sezione B dell’albo, dedicata agli esperti contabili, invece, è sufficiente la laurea triennale.
      In virtù del D.M. 7 agosto 2009, n. 143: Regolamento del tirocinio professionale per l’ammissione all’esame di abilitazione all’esercizio della professione di dottore commercialista e di esperto contabile, ai sensi dell’articolo 42, comma 2, del decreto legislativo 28 giugno 2005, n. 139— “Il tirocinio per l’accesso alla sezione A dell’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili può essere svolto contestualmente al biennio di studi finalizzato al conseguimento del diploma di laurea specialistica o magistrale”.
      Lei indichiamo il percorso digitale dove potrà scaricare la legge: https://www.cndcec.it/Portal/Documenti/Dettaglio.aspx?id=488eb981-960a-4950-9888-718c6d2e6e5b
      Cordialmente
      La Redazione

Lascia un commento
Previous Article

L'OCSE valuta il sistema universitario

Next Article

Crescere in Brico Center

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".