Crescere in Brico Center

Brico Center offre un contratto di assunzione e formazione in azienda nelle sue sedi in Abruzzo e Lombardia.

Brico Center, la più grande catena di bricolage in Italia, offre un contratto di assunzione e un percorso formativo in azienda nelle sue sedi in Abruzzo e Lombardia.
Il percorso di Allievato per Capi Settore Vendita, che partire immediatamente dopo l’assunzione, ha una durata di 12 mesi in cui i partecipanti alterneranno ore di lezioni in aula e ora di stage nelle diverse sedi italiane. I principali temi affrontati saranno: il mercato e il mondo della GDO; il cliente e il come, il cosa, il quando e il perché compra; come vendere meglio; come essere un buon animatore e gestire persone.
Decisiva sarà l’opportunità di svolgere attività pratica in negozio per conoscerne più da vicino il funzionamento e, affiancando persone esperte, di apprendere i trucchi del mestiere.
I requisiti richiesti al candidato ideale sono: il possesso di una laurea in discipline commerciali o diploma di scuola media superiore solo se con una breve esperienza di lavoro in ruoli commerciali e/o artigianali; buone capacità comunicative, organizzative e di problem solving; entusiasmo ed  energia.
Per ulteriori informazioni sulle mansioni e per inviare la propria candidatura è possibile consultare le offerte sul sito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuove regole per il tirocinio dei futuri commercialisti

Next Article

Premio giornalistico in memoria di Biagi

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.