Netflix frena la sua corsa, punta sull’ampliamento dell’offerta di qualità

Gli effetti della fine del lockdown e della rinnovata fiducia nella ripartenza non sono positivi per tutti. Netflix, con l’allentamento delle restrizioni e l’avvio al ritorno alla normalità, vede una drastica riduzione dei suoi abbonati. Nei primi mesi del 2020 segnati dalla diffusione della pandemia e dei conseguenti lockdown, la piattaforma americana di entertainement aveva incrementato i suoi utenti fino a 26 milioni. Nel primo trimestre del 2021 ne ha aggiunti meno di 4 milioni, traguardo ben inferiore ai 6 milioni previsti.

La piattaforma ha perso così il 10% del suo valore in borsa, a causa del calo degli abbonati e della concorrenza di YouTube, Amazon e Disney+ che hanno ampliato la loro offerta. Altro ostacolo che la compagnia ha dovuto affrontare sono stati le difficoltà di produzione di nuove serie e film, dovute proprio alle restrizioni dettate dalla pandemia.

Netflix punta ora sui cambiamenti in atto, che se da una parte stanno modificando nuovamente le nostre abitudini, dall’altra permetteranno di riprendere la produzione di nuovi contenuti di qualità. Per questo la compagnia resta ottimista, consapevole anche del fatto che molti utenti si sono ormai convertiti allo streaming e si sono abituati ai suoi vantaggi. 

In attesa degli eventi sono disponibili sulla piattaforma produzioni di grande successo, che continuano ad essere oggetto di numerose visualizzazioni. 

Total
219
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Progetto di studio dell’Università dell’Insubria: l’economia circolare dei rifiuti per un futuro sostenibile

Next Article

PNRR meno dolce per i giovani: il passaggio da Conte a Draghi è costato un miliardo di euro

Related Posts