Progetto di studio dell’Università dell’Insubria: l’economia circolare dei rifiuti per un futuro sostenibile

Il futuro sostenibile del nostro pianeta passa anche attraverso l’economia circolare dei rifiuti. Il progetto di ricerca su questo tema promosso dal Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della vita dell’Università dell’Insubria di Varese è finanziato dalla Fondazione Cariplo con 300mila euro per tre anni. L’obiettivo è quello di promuovere la ricerca per realizzare la sostenibilità ambientale attraverso la conversione di rifiuti organici in bio molecole, utilizzabili per creare prodotti innovativi.

È il secondo progetto sostenuto dalla Cariplo incentrato sullo studio delle potenzialità dell’Hermetia Illucens, una mosca che può essere decisiva per la trasformazione dei rifiuti in chiave sostenibile.

Nel 2019 si è concluso “In Bio Pro Feed” focalizzato sulla trasformazione delle larve di Hermetia in mangime per pesci. Il progetto attuale è intitolato “Rich” (Turning rubbish into biobased materials: a sustainable chain for the full valorisation of organic waste). 

Il laboratorio dell’ateneo varesino è coordinato da Gianluca Tettamanti del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della vita e concentra il suo lavoro sullo studio delle larve della mosca Hermetia Illucens, poste sul substrato organico dei rifiuti solidi urbani da smaltire. Il risultato atteso da Rich sarebbe la creazione di una filiera innovativa per la gestione dei rifiuti, che potrebbe ridurre gli effetti negativi sull’ambiente derivanti da inappropriate pratiche di smaltimento. 

Il progetto Rich sull’economia circolare per un futuro sostenibile è stato presentato lo scorso 7 aprile e coinvolge un gruppo di ricerca che vede la collaborazione di Università di Milano, Politecnico di Milano e Deutsch Institut für Kautschuktechnologie.

  • In foto: team dell’Insubria nel laboratorio di Biologia degli invertebrati, da sinistra: Gianluca Tettamanti, Annalisa Grimaldi, Deborah Muraca, Daniele Bruno, Nicolò Baranzini, Laura Pulze e Aurora Montali
Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Università di Pavia corre verso il futuro

Next Article

Netflix frena la sua corsa, punta sull’ampliamento dell’offerta di qualità

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".