Nestlè, selezioni aperte per stagisti ad hoc

Il Gruppo Nestlè, leader mondiale nel settore alimentare, ricerca, per le proprie strutture di Milano, neo-laureati da inserire per un periodo di stage semestrale in qualità di controllo di gestione.

La posizione, in affiancamento al responsabile, prevede le seguenti attività principali: assicurare il controllo e il reporting verso le direzioni di funzione, la direzione generale e la casa madre, contribuire alla preparazione del budget e provvedere alle relative revisioni, effettuare analisi delle spese fisse

Requisiti: i candidati ideali sono brillanti laureati in Economia con elevata motivazione al mondo del controllino; ottime capacità analitiche e numeriche, forte orientamento al raggiungimento degli obiettivi; intraprendenza, ottime doti relazionali e precisione. L’ottima conoscenza del Pacchetto Office (in particolare di Excel) e una buona conoscenza della lingua inglese completano il profilo.

Gli interessati possono inviare al seguente indirizzo il proprio curriculum specificando chiaramente nell’oggetto dell’e-mail il riferimento “COGE“: [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma III, un master a tutela dell’ambiente

Next Article

Meno “intelligente”? Il cuore ne risente

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).
Leggi di più

Ingegneria industriale, Medicina e Farmacia: ecco la lauree che fanno guadagnare di più. Male Psicologia e Scienze della formazione

Secondo il 24esimo rapporto di AlmaLaurea ci sono sostanziali differenze nel livello degli stipendi tra laureati: soprattutto per chi ha scelto un percorso di studio in ambito ITC e nuove tecnologie la retribuzione sfiora i 1900 euro al mese mentre i laureati in ambito umanistico guadagnano in media 500 euro in meno.