Nel 2023 spazio all’intelligenza artificiale e metaverso: ecco le novità

La creazione delle super-app e gli investimenti sul cloud gli altri obiettivi per il nuovo anno.

L’anno appena passato è stato sicuramente molto importante per lo sviluppo delle nuove tecnologie. Ma anche il 2023 sarà ricco di novità, con la maturazione di nuove tendenze tecnologiche studiate in questi anni e che miglioreranno la vita di domani.

“Sono numerose le nuove tecnologie che stanno entrando a far parte della nostra quotidianità. Un esempio lampante è quello degli assistenti personali intelligenti – afferma Maurizio Zaccherini, responsabile del Reparto di Ricerca & Sviluppo di Eurek, azienda di ingegneria elettronica di Imola – sempre più di frequente, le persone si affidano a questa tecnologia per delegare alcune attività, come l’accensione della musica, il controllo degli elettrodomestici da remoto e la lettura delle notizie del giorno”.

l mercato delle IA è in continua espansione e la sua accelerazione sta spingendo sempre più le aziende a investire su questa nuova tecnologia. Oggi con l’intelligenza artificiale si possono creare opere d’arte, ma anche elaborare testi e chattare come se si stesse parlando con un essere umano. Un esempio è Chat.OpenAI una forma di intelligenza artificiale in grado di comunicare con le persone attraverso una chat. “Negli ultimi tempi si sono diffusi microprocessori dotati di reti neurali (connessioni in grado di simulare il comportamento del cervello umano), un processo destinato a diventare sempre più frequente a partire dal 2023”, continua Zaccherini.

Sviluppo cloud e super-app

La società d’analisi nel campo della tecnologia Gartner ha stilato una lista di novità che potrebbero essere centrali quest’anno. Tra queste, c’è la creazione delle super-app, applicazioni multifunzionali che offrono servizi legati a differenti settori racchiusi nella stessa piattaforma. Della creazione di una superapp se ne parlò a fine 2022 quando Elon Musk comprò Twitter, con l’obiettivo di renderla un’app in grado di twittare ma anche mandare messaggi ed effettuare pagamenti.

Un altro elemento che sarà centrale nel 2023 sarà il cloud computing, che acquisterà sempre più importanza man mano che un numero maggiore di servizi si sposterà sul cloud. Sebbene questa continua migrazione verso il cloud non sia sorprendente, l’adozione di questo nuovo mezzo continuerà ad accelerare nel 2023, anche dal punto di vista degli investimenti. Sempre secondo l’azienda Gartner, quest’anno la spesa generale delle aziende per passare al cloud potrà raggiungere i 591 miliardi, ovvero il 70% in più rispetto al 2022. La migrazione al cloud quindi non si arresta e anzi, continuerà a crescere mano a mano che le aziende accelereranno le iniziative di modernizzazione nelle loro aziende.

Realtà aumentata e metaverso

Un’altra tecnologia che ha preso piede nel 2022 e che nel nuovo anno verrà ampiamente sviluppata, e che sempre secondo Gartner potrebbe essere centrale nel 2022, sarà il metaverso, uno spazio che consentirà alle persone di essere presenti in un mondo virtuale. Un’innovazione tecnologica su cui punta molto Mark Zuckerberg, Ceo di Meta: l’azienda nel 2022 ha infatti investito circa 20 miliardi di dollari nei progetti legati al metaverso e anche quest’anno l’intenzione da parte di Zuckerberg è continuare a investire su questa invenzione.

Con l’avanzamento del metaverso, andrà di pari passo anche quello della realtà aumentata: già presente da diversi anni nella vita di tutti noi e impiegata soprattutto nei videogiochi, i visori di realtà aumentata saranno lo strumento che permetteranno di entrare nel metaverso. Nel 2023, si prevede la creazione di ambienti virtuali più coinvolgenti e in comune con altre persone, così da poter realizzare brainstorming, riunioni o gruppi di lavoro insieme. Tanto che a fine novembre 2022 Meta ha lanciato sul mercato i Quest Pro, ossia i primi visori per realtà virtuale e anche aumentata destinati al mondo professionale. Nel 2023 dovrebbero arrivare anche i VR di Apple, nonostante alcuni ritardi.

LEGGI ANCHE:

Total
14
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Amazon taglia il personale: a gennaio previsti 18mila licenziamenti

Next Article

Rotazione presidi, Giannelli (ANP): "La scuola non è un ufficio ministeriale. Inappropriato accomunarli"

Related Posts
Leggi di più

Pubblica foto sexy su Onlyfans e Gardaland non le rinnova il contratto

Ilaria Rimoldi, 25 anni, aveva cominciato a postare sue immagini in lingerie sul portale a pagamento. Un'idea che non è piaciuta ai suoi superiori che non l'hanno ritenuta in linea con la "vocazione familiare" del parco divertimenti. "Mi pagavano solo mille euro al mese, adesso sono arrivata a guadagnarne 5mila".