Nazioni Unite: 50 tirocini internazionali

Schermata 2013-03-29 a 11.44.47

L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani mette in palio opportunità a Ginevra

Scade il 30 aprile il termine per sognare un incarico in orbita Onu. Non è necessario essere plurititolati con anni di esperienza nel no profit e in contesti internazionali. Cosa serve? È sufficiente una laurea conseguita in materie attinenti alle attività delle Nazioni Unite: diritto internazionale, scienze politiche, storia, scienze sociali, con particolare predilezione per quanti si siano specializzati nell’ambito diritti umani.

Verranno scelti 50 ragazzi che verranno inseriri, tra luglio e dicembre, presso gli uffici dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) di Ginevra, in Svizzera.

Attenzione, però, i ragazzi dovranno essere sostenuti da un’istituzione accademica e avere  un’ottima conoscenza di almeno due delle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite a scelta tra le seguenti: inglese, francese, spagnolo, arabo, russo e cinese.

Risulterà indispensabile, comunque, la capacità di redazione in inglese/francese.

La procedura di candidatura richiede diversi passaggi, incluso l’invio di un esempio scritto dei lavori di ricerca condotti o un abstract di pubblicazioni accademiche (3-12 pagine al massimo).

Se siete interessati potete trovare tutte le informazioni sull’Internship Programme dall’indirizzo a fine articolo:

www.ohchr.org/EN/AboutUs/Pages/InternshipProgramme.aspx

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Progetto stage romba in Toyota

Next Article

Incendio in una scuola islamica, morti 13 ragazzini

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.