Nazioni Unite: 50 tirocini internazionali

Schermata 2013-03-29 a 11.44.47

L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani mette in palio opportunità a Ginevra

Scade il 30 aprile il termine per sognare un incarico in orbita Onu. Non è necessario essere plurititolati con anni di esperienza nel no profit e in contesti internazionali. Cosa serve? È sufficiente una laurea conseguita in materie attinenti alle attività delle Nazioni Unite: diritto internazionale, scienze politiche, storia, scienze sociali, con particolare predilezione per quanti si siano specializzati nell’ambito diritti umani.

Verranno scelti 50 ragazzi che verranno inseriri, tra luglio e dicembre, presso gli uffici dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) di Ginevra, in Svizzera.

Attenzione, però, i ragazzi dovranno essere sostenuti da un’istituzione accademica e avere  un’ottima conoscenza di almeno due delle sei lingue ufficiali delle Nazioni Unite a scelta tra le seguenti: inglese, francese, spagnolo, arabo, russo e cinese.

Risulterà indispensabile, comunque, la capacità di redazione in inglese/francese.

La procedura di candidatura richiede diversi passaggi, incluso l’invio di un esempio scritto dei lavori di ricerca condotti o un abstract di pubblicazioni accademiche (3-12 pagine al massimo).

Se siete interessati potete trovare tutte le informazioni sull’Internship Programme dall’indirizzo a fine articolo:

www.ohchr.org/EN/AboutUs/Pages/InternshipProgramme.aspx

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Progetto stage romba in Toyota

Next Article

Incendio in una scuola islamica, morti 13 ragazzini

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.