Incendio in una scuola islamica, morti 13 ragazzini

Schermata 2013-04-02 a 09.23.07

Un incendio scatenatosi per cause non ancora accertate ha provocato nella notte la morte di 13 ragazzini, tutti maschi, in una scuola islamica annessa a una moschea a Rangoon, in un episodio che giunge sulla scia di recenti violenze contro la minoranza musulmana nella regione centrale del Paese, che hanno causato almeno 43 morti.

Le fiamme si sono sviluppate attorno alle 2 nel dormitorio nell’area di Botataung, alla periferia est dell’ex capitale. Nonostante il successo dei vigili del fuoco nell’estinguere il rogo e far uscire la maggior parte dei 75 studenti da una porta sfondata, 13 ragazzi – di età  tra i 13 e i 14 anni – sono rimasti intrappolati per motivi non ancora chiariti.

Secondo un passante intervistato dalla Reuters, è possibile che le porte fossero sprangate per il timore di attacchi da parte dei buddisti, nel clima di tensione diffusosi dopo le ultime violenze. Quanto alle cause del rogo, la polizia ha inizialmente parlato di probabile cortocircuito di un trasformatore, ma ha in seguito ammesso che sono necessarie ulteriori indagini. Molti attivisti musulmani temono che non si tratti di un incidente, a conferma della sfiducia reciproca dopo i recenti scontri.

Lo scorso 20 marzo, un’iniziale rissa in un mercato Š degenerata in una caccia al musulmano nella città di Meikhtila, conclusasi con almeno 43 morti e 12 mila sfollati. Contenute dallo stato di emergenza proclamato due giorni dopo, le violenze di Meikthila si sono per• estese in seguito ad altri distretti vicini, arrivando sino a poche decine di chilometri da Rangoon, città dove risiede una radicata minoranza musulmana. L’anno scorso due ondate di violenze nello stato Rakhine causarono almeno 180 morti e 120 mila sfollati in gran parte tra la minoranza musulmana di etnia Rohingya, evidenziando il forte pregiudizio anti-islamico diffuso tra i birmani e fomentato per decenni dalla giunta militare.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nazioni Unite: 50 tirocini internazionali

Next Article

Incentivare i generici per la ricerca sui nuovi farmaci

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.