Napoli, la monnezza in poesia

Salve, sono uno studente Facoltà di Economia dell’Università di Salerno; ho letto il Vs. Corriere Università di Novembre e mi è piaciuta molto l’introduzione della prima pagina che avete redatto sul cambiamento della città di Napoli.
Lavoro come operatore di cabina di proiezione in uno dei due cinema di Battipaglia (SA) ed il mio collega di lavoro in merito a quanto da Voi scritto su questo argomento,ha deciso insieme con me di inviarVi due poesie scritte nel dicembre 2007 durante l’emergenza rifiuti a Napoli.
NAPULE
Alvaro Mazzeo – 2005 –
Napule città do sol
città de tradizion
e cient mestier
e mill quartier
addò se chiacchiera
e nun se fa nient
Napule de voc bell
e da maschera e Pullecenella
Napule e mill problem
addò a gent s’arrange
pensann o’ miracol
e San Gennar
Napule cu tutt e problem
riman semp a città cchiù bella.
A’ MUNNEZZA E NAPULE
Alvaro Mazzeo 2008
Se la monnezza fosse oro
tutt a Napule facesser l’orafi
ma vist ca so’ sul rifiut
s’arricchiscen sul e mafius
e chillI signur
vutat ra gent
pe se guardà
sul e propri interess
rimanenn a città
cu tant problem
e pe strade
tanta presepi
re scart ca lascian a gent.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eni: 150 posti entro l’anno

Next Article

Giuristi al lavoro per il referendum

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".