Giuristi al lavoro per il referendum

referendum.jpgLa strada di un quesito referendario è piuttosto lunga e tortuosa: deve superare il sospirato quorum (50% + 1 degli aventi diritto al voto) e incassare la maggioranza dei voti espressi. Ma prima è necessario che passi indenne sotto la lente d’ingrandimento della Corte Costituzionale, che ne giudica l’ammissibilità o meno. Per quanto riguarda la legge Gelmini il Partito Democratico è convinto che il referendum rappresenti una via percorribile: l’elaborazione di quesiti su una materia così vasta come l’Istruzione – che tocca non solo gli aspetti dell’organizzazione e dell’ordinamento scolastico ma investe anche le questioni finanziarie – non rappresenterebbe un ostacolo insormontabile.
Il capitolo-referendum è stato affrontato oggi dal coordinamento, che ha ascoltato una relazione del professor Salvatore Vassallo, incaricato di svolgere un’istruttoria sulla materia. Il lavoro non è ancora stato concluso e necessita di ulteriori approfondimenti ma, come ha spiegato Giorgio Tonini, senatore del Pd e componente del coordinamento del partito, «la relazione ha messo in evidenza che ci sono i margini per elaborare i quesiti», in grado di superare il vaglio della Corte Costituzionale.

«Ci sono degli spazi interessanti per andare avanti e intervenire su aspetti non marginali della legge», ha precisato Tonini. Se ne tornerà a parlare nelle prossime riunioni. Intanto il coordinamento ha cercato di avvantaggiarsi cominciando a lavorare sugli aspetti organizzativi.
Secondo Veltroni e gli altri componenti dell’organismo, la consultazione «non dovrà essere di partito. Ossia – ha spiegato Tonini- non potrà essere il Pd a promuoverla ma un Comitato costituito appositamente. Composto anche da personalità politiche ma soprattutto da rappresentanti della società civile e del mondo dell’istruzione. Visto che come partito abbiamo sempre difeso e continuiamo a farlo l’autonomia della scuola e dell’università, non può essere il Pd a metterci il cappello sopra».

Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, la monnezza in poesia

Next Article

Direttore di ristorante per Pans

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).