Napoli, giovani diplomatici in erba si confrontano ad IMUN 2018

Torna IMUN Napoli 2018, dal 18 al 20 gennaio, un’esperienza unica di  simulazione di sedute ONU giunta alla sua sesta edizione. Organizzata da United Network con il patrocinio del Comune di Napoli, partecipano a questa edizione studenti delle scuole superiori di Napoli e di tutta la Regione Campania. Tutte di grandi prestigio le locations dove si svolgerà l’evento dato l’alto numero di partecipanti: Palazzo San Giacomo, Maschio Angioino, Università Parthenope, Università Telematica “La Sapienza”, Teatro Acacia. La tre giorni si concluderà con una grande Cerimonia di premiazione il 20 Gennaio presso il Teatro Acacia (diretta streaming sulla pagina facebook di United Network EU), alla presenza di personalità istituzionali e diplomatiche, tra questi hanno confermato la loro presenza: Luigi de Magistris Sindaco di Napoli; Enrico Panini Assessore al Bilancio,Lavoro e Attività economiche; Jean-Paul Seytre, Console di Francia; Viktor Hamotskyi, Console di Ucraina; Dana Murray, Console agli Affari Politici, Economici, Commerciali degli Stati Uniti d’America; Giovanni Caffarelli, Console di Germania; Maria Luisa Cusati, Console del Portogallo; Ambasciatore Gabriele Checchia, Comitato Atlantico Italiano.

E nel corso della Cerimonia conclusiva saranno premiati i Best Delegate, cioè i più bravi Studenti/Ambasciatori partecipanti all’edizione 2018 di IMUN Napoli. Lo scorso anno gli studenti campani si sono distinti per impegno e bravura, anche all’estero: alcuni di loro hanno partecipato alle simulazioni internazionali delGCMUN (Global Citizens Model Unietd Nations) a New York, presso il Palazzo di Vetro, sede delle Nazioni Unite, ed hanno ottenuto le ambite Honorable Mention, distinguendosi per l’ottimo lavoro svolto, tra migliaia di partecipanti da tutto il mondo I giovani vestiranno i panni di Ambasciatori, dopo il successo di “Young7”, l’iniziativa che United Network ha realizzato con il Ministero dell’Istruzione, e che ha portato a Taormina a maggio, nei giorni del G7, studenti delle scuole superiori italiane che hanno simulato le sedute del summit internazionale, confrontandosi sui temi dell’agenda diplomatica in discussione.

Giornate altamente formative in cui i partecipanti tratteranno i temi della politica internazionale durante le simulazioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite o di altre sessioni di organizzazioni internazionali come Unicef, UNHCR, Sochum. Tanti gli argomenti che verranno affrontati e discussi, tutti legati all’attualità più stringente: conflitti internazionali, sviluppo sostenibile nei Paesi in via di sviluppo, cambiamenti climatici, politiche dell’immigrazione, traffico internazionali di armi, lotta alla malnutrizione, estremismo e terrorismo internazionale, rispetto dei diritti umani, per citare solo alcuni temi che verranno discussi dalle varie Commissioni.

 
 
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prof. del Massimo confessa abusi: "Ero innamorato"

Next Article

Padoan: "Troppi giovani lasciano l'Italia". La risposta dei social: "Ridotti alla fame"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident