Padoan: "Troppi giovani lasciano l'Italia". La risposta dei social: "Ridotti alla fame"

Per il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan il bilancio dell’andamento del mercato del lavoro è caratterizzato da “luci ed ombre”. Perché se è vero che “la disoccupazione è calata ma risulta ancora troppo alta, intorno all’11%, il numero dei laureati sta crescendo ma è ancora troppo basso”. E soprattutto per il ministro, che ha parlato all’inaugurazione dell’anno accademico alla Sapienza di Roma, “ancora troppi giovani lasciano il nostro Paese per migliori opportunità all’estero”. Poche parole che in rete, però, scatenano la polemica. “Non sanno più a chi togliere la pensione”, scrive Matteo, mentre Mc79 sottolinea: “Quale competente partito ha governato negli ultimi anni?”.
La fuga degli italiani all’estero è una tematica che è stata sollevato molte volte in ambito nelle ultime legislature. Matteo Renzi, ad esempio, l’aveva bollato come mera “retorica”, e il ministro del lavoro Giuliano Poletti a fine 2016 aveva detto: “Non è che qui sono rimasti 60 milioni di pistola. Conosco gente che è andata via e che è bene che stia dove è andata, perché sicuramente questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”. Parole che poi aveva rettificato, dicendo di essersi “espresso male”. Ma l’esodo all’estero continua a essere un nodo anche economico, oltre che sociale. Per Confindustria, ad esempio, ha un costo annuo di 14 miliardi di euro l’anno. E la fuga negli ultimi anni continua a coinvolgere decine di migliaia di persone, non solo giovani ma di tutte le fasce d’età: un vero e proprio esodo. Diplomati, laureati, over 50 e anche figure specializzate che altrove trovano stipendi più alti o una qualità della vita migliore. Secondo il Rapporto Italiani nel Mondo 2017 di Migrantes, il flusso di chi decide di andarsene è in costante crescita: secondo i dati dell’Aire, nel 2006 erano poco più di 3 milioni oggi sfiorano i cinque. E in tutto nel 2016 sono stati 124mila gli italiani che hanno scelto di andarsene.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, giovani diplomatici in erba si confrontano ad IMUN 2018

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 19 gennaio

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.