Tate e flebo per gli studenti cinesi

Il sistema educativo cinese fortemente competitivo tocca il suo apice durante il periodo dei test universitari, che in Cina hanno inizio nel mese di giugno con nove milioni di giovani sui banchi universitari.

Il sistema educativo cinese fortemente competitivo tocca il suo apice durante il periodo dei test universitari, che in Cina hanno inizio nel mese di giugno.

Più di nove milioni di studenti sono arrivati al momento fatidico del test universitario da affrontare negli atenei più prestigiosi del paese, per all’incirca 6, 85 milioni posti disponibili.

La preparazione avviene attraverso le modalità più bizzarre, incluso la presenza di tate  e di flebo, pronte all’occorrenza. I ragazzi optano per  flebo ideate per aumentare i livelli di energia, mentre le ragazze fanno ricorso ad iniezioni di ormoni e pillole anticoncezionali per ritardare il ciclo menstruale.

La pressione è tanta e non sono mancate, già nelle prime prove, i primi tentativi di “baro”.  Sono state arrestate all’incirca 1500 persone con l’accusa di vendita illegale  di trasmettitori e di auricolari, difficili da rilevare.

“Ci sono situazioni in cui le ragazze prendono pillole per ritardare il loro periodo fino a dopo gli esami”, dichiara un ginecologo di Pechino del Chaoyang Hospital.

“Le bambinaie che supportanto gli studenti, sono qualificate con almeno un diploma di  laurea”, ha dichiarato Jennifer Liu, marketing manager di Coleclub – un’agenzia che fornisce aiuto domestico e offre questa tipologia di servizi dal 2009.

Una macchina ingegnosa in movimento che gira intorno a nove milioni di giovani che stanno scommettendo sul loro futuro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Profumo premia la Social Innovation

Next Article

Ad Agorà si parla di merito

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).