Mtn-Qhubeka, la squadra che corre per regalare bici ai bambini africani

bici bambini africani

Qhubeka nella lingua Zulu significa resistere, progredire, andare avanti. Loro l’hanno fatto. Ecco a voi l’Mtn-Qhubeka, il primo team professionistica africano della storia del ciclismo. L’idea è nata dall’iniziativa di Anthony Fitzherbry, uomo d’affari di successo che ha deciso di cambiare vita: ora dona una bici a tutti i bambini africani che devono percorrere diversi chilometri ogni giorno per andare a scuola.

Si calcola, infatti, che solo nel Sud dell’Africa dei 16 milioni di bambini che vanno a scuola 12 ci vanno a piedi. Tra questi, poi, 500mila impiegano più di 4 ore al giorno per andare e tornare da scuola. Una situazione troppo lontana da noi per essere condivisa appieno.

Eppure i Qhubeka, attraverso i suoi volontari e le donazioni ricevute, hanno già consegnato più di 40mila bici ai bambini del Sud Africa, e 150mila al resto del continente.

Ieri i giovani ciclisti della squadra africana hanno partecipato al Trofeo Laigueglia (vinto, per la cronaca, da Pippo Pozzato). Ma i progetti non si fermano qui. L’Mtn-Qhubeka correrà anche la Tirreno-Adriatico, e, soprattutto, la Milano-Sanremo.

Intanto, però, il loro successo l’hanno già ottenuto: aiutare i bambini africani ad andare a scuola, magari su una bella bicicletta nuova.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Matt Damon non andrà al bagno fin quando non ci sarà acqua più pulita per tutti

Next Article

Uniforme a scuola, la Gran Bretagna pensa di bandirla

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".