Il Miur premia i giovani talenti: al via il progetto "I fuoriclasse della scuola"

“I Fuoriclasse della Scuola”: il progetto che, inserito nella cornice di un apposito Protocollo d’Intesa siglato tra Miur e Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio, mira a valorizzare i giovani talenti della scuola italiana attraverso il contributo di donazioni filantropiche da parte di fondazioni, associazioni, società ma anche di singoli cittadini.
Il progetto “I Fuoriclasse della Scuola” si rivolge agli studenti dell’ultimo triennio delle scuole secondarie di II grado vincitori di alcune delle competizioni elencate nel Programma annuale per la valorizzazione delle eccellenze del MIUR: in particolare, nelle Olimpiadi di Italiano, Matematica, Fisica, Informatica, Chimica, Scienze naturali, Lingue e civiltà classiche, Astronomia, Filosofia e Statistica, nei concorsi di New Design ed Economia e nella Gara nazionale per gli alunni degli istituti professionali e per gli alunni degli istituti tecnici. Il premio per ciascun giovane campione prevede una borsa di studio in denaro e la possibilità di partecipare a un Campus, unico nel suo genere, per sviluppare competenze di cittadinanza economica. L’obiettivo è quello di sostenere gli alti potenziali, far crescere una generazione di giovani eccellenti e consapevoli, rafforzare la cittadinanza economica, sviluppare il capitale umano individuale e, di conseguenza, aumentare il capitale sociale del Paese. Tutto questo attraverso una nuova forma di collaborazione virtuosa tra istituzioni pubbliche e soggetti privati a sostegno dei giovani meritevoli e della scuola.
I giovani talenti premiati potranno fruire di percorsi di alternanza scuola-lavoro presso i soggetti che finanzieranno le borse di studio e parteciperanno al Campus residenziale sull’educazione finanziaria, ideato dal Museo del Risparmio di Torino che offrirà ai ragazzi l’opportunità di incontrare imprenditori affermati, visitare  incubatori e start-up, frequentare percorsi tematici su imprenditorialità e strumenti finanziari e laboratori  di formazione manageriale.
“Premiare le eccellenze e potenziarle. Dare una marcia in più alle studentesse e agli studenti del nostro Paese meritevoli offrendo loro sia risorse economiche che occasioni di sperimentazione per orientarsi consapevolmente nel futuro. ‘I Fuoriclasse della scuola’ è un ulteriore percorso che porta al cuore dell’obiettivo di questo Ministero  e di questo Governo – ha sottolineato il Sottosegretario Faraone – formare cittadini responsabili, in grado di fronteggiare e addirittura anticipare le sfide che verranno. Ed è un percorso virtuoso perché mette insieme più soggetti coinvolti a vario titolo nella società per raggiungere lo scopo. Il progetto è rivolto a ragazzi e ragazze che partecipano alle Olimpiadi del Miur, momento “agonistico” che spinge i giovani a mettersi alla prova, a dare il meglio di sé, confrontandosi con se stessi e gli altri. E offre l’opportunità di un apprendimento extracurricolare, più autonomo, mettendo a disposizione percorsi di alternanza scuola-lavoro e corsi di educazione finanziaria. Didattica oltre la didattica. Sono molto soddisfatto di questa iniziativa che – ha concluso – spinge le nuove generazioni sempre un po’ oltre, in una dimensione di curiosità produttiva, di ambizione sana e creativa”.
Per Giovanna Boggio Robutti, Direttore generale della Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio “il progetto ‘I Fuoriclasse della Scuola’ rafforza la collaborazione tra la Fondazione e il Miur aggiungendo all’attività di diffusione delle competenze di cittadinanza economica anche la valorizzazione dei talenti. Un nuovo traguardo reso possibile dalla collaborazione tra pubblico e privato. Promuovere l’educazione finanziaria significa sviluppare il bene comune per il Paese: è questo il grande progetto sociale che le banche hanno avviato da anni, recentemente rafforzato con la costituzione di una Fondazione dedicata esclusivamente alla disseminazione della cittadinanza economica presso i giovani e gli adulti”.
“Partecipiamo con entusiasmo a questo progetto – ha affermato Giovanna Paladino, direttore del Museo del Risparmio – Lo sviluppo delle potenzialità dei ragazzi è strettamente collegato allo sviluppo di competenze economiche indispensabili per pianificare le spese e gestire i propri redditi, anche in un’ottica imprenditoriale. Obiettivi di educazione finanziaria che sono parte essenziale della missione del Museo del Risparmio di Torino”.
Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.fuoriclassedellascuola.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 22 febbraio

Next Article

Viaggio al VIRGO, tra i cacciatori delle onde gravitazionali: "Cambia il modo di guardare l'Universo"

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.