Maturità 2009, studentessa-modello tradita dal cellulare

cellulari.jpgUn peccato veniale, forse una semplice dimenticanza. Una studentessa-modello di Genova, in odore di 100-e-lode, è stata espulsa dopo gli scritti della Maturità e, dunque, dovrà attendere il prossimo anno per ripetere l’Esame di Stato. La sua colpa? Aver “dimenticato” di consegnare il cellulare il giorno della seconda prova scritta, quella di Matematica. Sta di fatto che dopo il sequestro alla studentessa è stata offerta la possibilità di affrontare anche la terza prova. Poi, però, una commissione di indagine si è riunita per valutare l’episodio ribadendo la colpevolezza del gesto e sospeso la ragazza dall’esame. Dunque niente orali e il prossimo anno la bravissima studentessa invece che all’università si ritroverà di nuovo tra i banchi di scuola.
«Forse ha tenuto il cellulare con sé così come ci si tiene la coperta di Linus. Perché la rendeva tranquilla il fatto di avere uno strumento di comunicazione con la famiglia. Francamente non so come interpretare un gesto così da parte di una delle nostre studentesse migliori che si è giocata la Maturità per non aver consegnato il cellulare. E si è giocata la maturità. Non una prova, uno scritto, ma un anno intero. E pensare che era una delle migliori studentesse che se non prendeva la lode certo sarebbe uscita con un cento. Partiva con un credito di 23 punti su 25». Lo ha detto al Secolo XIX il preside Massimo Angelini, del liceo scientifico Cassini, a Genova, a proposito dell’espulsione di una studentessa del suo istituto.
«Alla fine del compito la ragazza è stata notata mentre guardava il telefonino. Dentro di me ho pensato che distrattamente lo avesse estratto per guardare l’ora. Proprio perché si era quasi alla scadenza del tempo stabilito per la prova di matematica. I ragazzi sono così, usano il cellulare come l’orologio».
«Dubito fortemente che avesse intenti fraudolenti – osserva il preside – ma è comunque una leggerezza imperdonabile. Fosse stata in bilico avrei potuto capire questo giocarsi il tutto per tutto, un po’ alla garibaldina, pur di portare i risultati a casa. Invece non si è nemmeno messa in contatto con nessuno, non con un amico né con un familiare. Ma tant’è… la legge è legge. Ripeto mi dispiace una ragazza d’oro, uno dei gioielli che ci sono nelle classi»

Manuel Massimo

Total
0
Shares
2 comments
  1. Dispiace che finisca così, certo… so anche che è brutto da dire, ma è giusto così. E rincaro la dose, la vicenda diverrebbe assai scandalosa se il TAR si mettesse di traverso, creerebbe un precedente orripilante e lancerebbe un messaggio agghiacciante: non è necessario attenersi alle regole!
    E’ davvero da c*** bruciarsi un anno in questo modo beota!!

  2. diapiace sicuramente ma secondo me come dice anke l’articolo era sl una forma di sicurezza personale
    cioè un modo di sentirsi sicura anke a me capita di dover avere 1 ogetto cn me x sicurezza……
    cmq secondo me visto ke conoscevano la ragazza e sapevano ke nn aveva problemi nell’affrontare l’esame sn stati troppom crudeli un sacco di volte l’okkio si kiude e giusto adesso no…..INGIUSTIZIA
    cmq si rifarà l’anno prossimo e sarà la prima a consewgnare il cell…….

Lascia un commento
Previous Article

G8, dalle tende: "Yes, we camp"

Next Article

Siena, la biblioteca recluta volontari

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".