Master alla Bocconi nella top 20 mondiale

Master Bocconi

Balzo in avanti nel ranking elaborato dal ‘Financial Times’ per il Master in Science of Finance della Bocconi di Milano. Il corso dell’ateneo lombardo, impartito in inglese, sale di sette posizioni in classifica e si colloca al 20esimo posto della graduatoria generale elaborata dal prestigioso quotidiano econonomico.

La scalata – si legge in una nota dell’Universita’ milanese – e’ legato al riscontro positivo dei laureati nel mercato del lavoro internazionale. La laurea della Bocconi vede il 78% degli studenti avere gia’ un impiego il giorno della laurea, il 98% dopo tre mesi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

MATURITA', OGGI E' IL GIORNO DEL QUIZZONE

Next Article

Università di Padova, addio al Prof Silvio Lanaro

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".