MATURITA’, OGGI E’ IL GIORNO DEL QUIZZONE

terza prova quizzone

Messe alle spalle le prime due prove scritte e dopo un breve weekend di pausa gli studenti alle prese con l’esame di maturita ‘ tornano oggi tra i banchi per affrontare il terzo e ultimo scritto, il temutissimo ”quizzone”, prova che, a differenza delle altre non e’ decisa dal ministero dell’Istruzione ma dalle singole commissioni esaminatrici.

La terza prova, ha carattere pluridisciplinare ed ha l’obiettivo di verificare le conoscenze sulle diverse materie studiate nell’ultimo anno. Sono previste diverse tipologie: trattazione sintetica, non piu’ di cinque argomenti; quesiti a risposta singola, da 10 a 15; quesiti a risposta multipla, da 30 a 40; problemi scientifici a soluzione rapida, non piu’ di due; casi pratici o professionali, non piu’ di due; un progetto. Il tempo a disposizione e’ generalmente entro le tre ore. Il punteggio massimo che si puo’ ottenere e’ di 15/15, la sufficienza corrisponde a 10/15, ma nonostante il suo punteggio sia uguale a quello della prima e della seconda prova, spaventa molto piu’ delle altre per il carico di studi visto che e’ composta non da una ma da diverse materie.

 In realta’ non si trattera’ soltanto di mettere crocette poiche’ gli studenti potrebbero trovarsi di fronte domande sia a risposta chiusa sia a risposta aperta, trattazioni sintetiche o esercizi. Riguarderanno non piu’ di cinque discipline e saranno comunque in linea con le simulazioni e le esercitazioni svolte dai ragazzi durante l’anno scolastico.
In base al regolamento sia i quesiti sia le materie sulle quali verte devono restare segreti fino all’inizio della prova. Dopo la correzione del tris di prove soltanto gli orali separano i ragazzi dall’agognato diploma. Il via ai colloqui viene fissato dalle singole commissioni, ma, da quest’anno c’e’ una novita’: una stretta sui tempi di conclusione degli esami di maturita ‘.
Con una nota inviata ai presidi e ai direttori degli uffici scolastici regionali, lo scorso 14 maggio, il ministero dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca ha, infatti, confermato (era stato gia’ segnalato da un’ordinanza ministeriale dello scorso 24 aprile) che la trasmissione al sistema informativo del dicastero di viale Trastevere (Sidi, Area ‘Esiti Esami di Stato’) dei risultati di esame ”deve improrogabilmente concludersi entro il 18 luglio 2013”. Nella nota si forniscono, inoltre, indicazioni operative per l’utilizzo della procedura informatizzata da parte delle segreterie scolastiche e delle commissioni d’esame.
Terza e ultima prova scritta stamani per la Maturita’: quasi 500.000 studenti si apprestano ad affrontare il ‘quizzone’, che sonda la preparazione generale con domande su cinque materie. E’ l’unico degli scritti a non avere carattere nazionale e a essere preparato dagli insegnanti. Sono loro a pensare argomenti e domande, e anche a dettare i tempi, che saranno comunicati ai ragazzi direttamente dalla commissione. Le modalita’ di svolgimento della terza prova sono diverse: quesiti a risposta singola nell’ambito di un certo numero di righe concesso dalla commissione; risposta multipla, ovvero i famosi test a crocette; problemi a soluzione rapida; analisi di casi pratici e professionali o sviluppo di piccoli progetti. Il punteggio massimo e’ 15 con la sufficienza fissata a 10.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Internazionalizzazione dell'Università

Next Article

Master alla Bocconi nella top 20 mondiale

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36