Univpm "esonera" gli studenti abruzzesi

strettadimano_g.jpgLa staffetta di solidarietà è già partita. Gli studenti abruzzesi saranno esonerati dalle tasse regionali degli atenei marchigiani per l’anno accademico 2009-2010. A dichiararlo l’assessore regionale nelle Marche Stefania Benatti, che ha accolto “molto volentieri” l’appello del ministro dell’Istruzione.
Dopo il ministro dell’Economia Giulio Tremonti – fautore di un rinvio per il pagamento di tasse e contributi da parte dei cittadini delle zone terremotate dell’Abruzzo – ci ha provato la Gelmini. E il sostegno da parte delle Marche non si è fatto attendere.
“È quasi un atto dovuto nei confronti dei giovani e delle loro famiglie, che rientra nello spirito di leale collaborazione e solidarietà tra amministrazioni regionali” ha detto la Benatti. Le Marche non potevano che rispondere positivamente anche a questo appello, dopo la solidarietà dimostrata fin dalle prime ore della tragedia che ha colpito una regione a noi molto vicina”.
E questa volta non solo parole. Le procedure pratiche per l’esonero delle tasse presso gli atenei marchigiani sono già state avviate. Ora non resta che aspettare la riapertura del nuovo anno accademico.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Forlì: in manette due studenti universitari

Next Article

Stage al Comune, Rieti offre 20 borse di studio

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".