Manfredi: "Investiremo 15 miliardi in 5 anni per la ricerca"

“La nostra idea è di investire 15 miliardi di euro in cinque anni, questo è l’obiettivo che abbiamo come Governo”. Lo ha detto il  il ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, su Sky TG24. “Oggi abbiamo davanti una sfida fondamentale, con l’estrema necessità di investire in ricerca, non solo per far crescere la conoscenza e la competenza nel nostro Paese, ma perché la ricerca è uno strumento fondamentale per determinare la crescita economica del nostro Paese”, ha rilevato il ministro.

“I Paesi che investono di più in ricerca- ha proseguito Manfredi – hanno la maggiore crescita economica. È volontà del Governo voler investire in ricerca e alta formazione, è il momento in cui dobbiamo essere capaci di investire”, ha aggiunto rilevando che “la ricerca non è un problema dei ricercatori, ma è un bene comune ed è interesse collettivo”.

Il ministro ha osservato inoltre: “avverto che è un po’ cambiata l’aria perché si è avuta la percezione che la ricerca sia qualcosa che interessa tutti. Questo è, quindi, un momento di grande responsabilità per i ricercatori, perché a volte sono stati un po’ autoreferenziali e
hanno un po’ visto la ricerca come una loro proprietà”.

Adesso, ha proseguito, “è fondamentale che la ricerca guardi anche all’impatto sociale e alla ricaduta che ha sui cittadini. Se vogliamo mettere la ricerca al centro della società dobbiamo farlo cambiando prospettiva e lo devono fare anche i ricercatori, lo dico da ricercatore, mettendosi al centro di un processo di condivisione con gli altri”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università italiane per l'Africa, rettore della Sapienza presidente della Fondazione

Next Article

Decreto Covid: niente ritorno alla Didattica a distanza obbligatoria

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".