L’UE lancia il progetto per combattere la disoccupazione giovanile

youth_3

Il Pacchetto Giovani approvato dalla Commissione Europea lo scorso dicembre con lo stanziamento di fondi per la programmazione 2014-2020 contiene, tra i diversi provvedimenti, la Youth Guarantee che prevede un corso di formazione, un’offerta di impiego o uno stage qualificante entro 4 mesi dalla perdita del lavoro o dal termine dei propri studi.

Una “Garanzia ai giovani” che hanno meno di 25 anni tale da assicurare loro un percorso di inserimento lavorativo. A questo punto la palla passa agli stati membri dell’Unione Europea che dovranno dimostrare di avere a cuore il serio problema della disoccupazione giovanile.

Anche in Italia ci sarà quindi bisogno che la Youth Guarantee venga istituita dal Parlamento con una legge quadro e che ad occuparsene siano le istituzioni locali tramite i servizi all’impiego. La Cgil Giovani, recependo il programma europeo, ha presentato la propria campagna “Garantiamo noi” attraverso la quale chiede che la sua applicazione si estenda agli under 29, visti i tempi italiani di istruzione più lunghi.

L’obiettivo del programma è il sostegno di ogni giovane attuando percorsi personalizzati su ciascun candidato in base alle proprie capacità e competenze sostenendo esperienze professionali qualificanti o il supporto in progetti di auto impiego.

Già attivo in Svezia fin dal 1984 con ottimi risultati, anche la Francia, tra gli altri, si appresta a sottoscriverla.

 Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

One Billion Rising, un miliardo in piazza per le donne

Next Article

San Valentino, per gli studenti niente cioccolatini. "Meglio donare il sangue"

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.