San Valentino, per gli studenti niente cioccolatini. “Meglio donare il sangue”

Schermata 2013-02-14 a 17.32.35

Nessuna scatola di cioccolatini, nessuna rosa rossa ne’ cena romantica. A San Valentino l’unico dono a cui pensano Andrea e Francesca, studenti di medicina, e’ il dono del sangue. Hanno entrambi 24 anni e si sono conosciuti poco piu’ di un anno fa all’Universita’. ”Oggi non ci siamo regalati nulla – racconta Francesca – ma la prossima settimana andremo a donare il sangue insieme”.

La coppia ha gia’ segnato la data in agenda: appuntamento la mattina del 19 febbraio nel centro di raccolta sangue che sara’ allestito alla Sapienza (di fronte al Centro informazioni accoglienza e orientamento) in occasione della ”Settimana dell’amore”.

L’iniziativa, presentata oggi a Roma, permettera’ agli studenti per quattro giorni, dal 18 al 21 febbraio, di ”donare il sangue in coppia” e compiere cosi’ ”un gesto d’amore” insolito. ”Oggi regaliamo ai ragazzi un cioccolatino – ha spiegato Lucia Granati, professoressa di ematologia e responsabile del gruppo Studenti donatori della Sapienza, durante un seminario – con la promessa che la prossima settimana vengano tutti a donare il sangue”. Chi manterra’ l’impegno verra’ accolto con ”cioccolate calde e dolci ed e’ previsto anche un premio per la coppia che portera’ piu’ amici a donare”. ”Donare il sangue da’ piu’ soddisfazione e rimane piu’ a lungo di una cena romantica o di un regalo”, osserva Francesca, che sogna un futuro da cardiologa.

”Soprattutto noi che siamo studenti di medicina – le fa eco Francesco, che intende specializzarsi in ginecologia – sappiamo che attraverso la donazione possiamo salvare vite. Lo stiamo dicendo a tutti i nostri amici”. L’iniziativa, promossa da Granati e dall’associazione Ad Spem, rientra in un progetto ”piu’ ampio” di sensibilizzazione del dono del sangue: ”Con gli studenti abbiamo anche formato una squadra di calcio, ‘I donatori’ – ha aggiunto Granati – che, partecipando a tornei in ateneo e in citta’, promuove tra i giovani il dono del sangue. Inoltre cerchiamo di coinvolgere gli studenti attraverso il web”. ”Nella regione Lazio – ha concluso il presidente di Ad Spem, Giuseppe Spiezia – l’anno scorso sono mancate all’appello 20-25 mila sacche di sangue. Manca il turn over tra i donatori: bisogna sensibilizzare i giovani”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'UE lancia il progetto per combattere la disoccupazione giovanile

Next Article

Borsa annuale al Cnr di Napoli

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.