Borsa annuale al Cnr di Napoli

L’Istituto di Biomedica delle Proteine del CNR ha indetto una pubblica selezione per una borsa di studio della durata di dodici mesi per laureati in Fisica o Ingegneria Biomedica da usufruirsi presso la propria sede in Via Pietro Castellino n.111, Napoli.

Edificio CNR Via Pietro Castellini. Capri 2009 Capripress

L’Istituto di Biomedica delle Proteine del CNR ha indetto una pubblica selezione per una borsa di studio della durata di dodici mesi per laureati in Fisica o Ingegneria Biomedica da usufruirsi presso la propria sede in Via Pietro Castellino n.111, Napoli.

La domanda di partecipazione alla suddetta selezione, redatta esclusivamente secondo lo schema riportato nello specifico modello allegato al bando IBPBS57 2013NA, dovrà essere inviata tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) all’Istituto di Biochimica delle Proteine all’indirizzo: [email protected] entro l’11 marzo 2013.

Il bando è disponibile sul sito internet all’indirizzo www.urp.cnr.it link formazione e sul sito internet dell’Istituto di Biochimica delle Proteine all’indirizzo www.ibp.cnr.it.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

San Valentino, per gli studenti niente cioccolatini. "Meglio donare il sangue"

Next Article

Wi-fi gratuito in bar e ristoranti

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.