Liceali e ricercatori insieme negli stage di chimica

Sono partiti l’8 giugno gli stage organizzati dai Dipartimenti Chimici dell’Università di Parma che hanno accolto nei propri laboratori di ricerca oltre 200 studenti delle classi quarte provenienti da più di 40 Istituti Superiori delle province di Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Mantova, Cremona, Verona, Brescia, Lodi, La Spezia, Massa Carrara.
Gli stage si svolgeranno fino al 3 luglio e rappresentano una interessante opportunità per i liceali di conoscere da vicino la realtà della ricerca universitaria e per entrare in contatto con le strutture dell’ateneo e con gli aspetti più innovativi della ricerca chimica svolta a Parma: dalla chimica alimentare alle nanotecnologie, dalla chimica biomedica alla chimica industriale, dalla chimica teorica alla chimica ambientale.
Dal 2005 l’iniziativa si svolge nell’ambito del Progetto Lauree Scientifiche, coordinato per l’insegnamento della Chimica dalla Prof.ssa Alessia Bacchi, attraverso il quale l’Ateneo di Parma intende stimolare vocazioni e talenti in campo scientifico. Per ulteriori informazioni consultare il link.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udine, il ruolo delle imprese durante la crisi

Next Article

Pd in Crui, Lega in Commissione

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.